La “Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica” di Verona fra i 5 vincitori del premio nazionale “Universo non profit 2010”

di admin
La fondazione veronese premiata per i programmi di formazione e ricerca nell’ambito della fibrosi cistica.

La Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica di Verona è una delle cinque associazioni non profit che si sono aggiudicate oggi a Roma la prima edizione del Premio Universo Non Profit, promosso da UniCredit Retail Italy Network e UniCredit Foundation, per essere riuscite nella rispettive attività a coniugare solidarietà e alti standard di efficienza organizzativa e gestionale. Nella motivazione del Premio alla onlus veronese – fondata nel 1997 da Vittoriano Faganelli e Matteo Marzotto, insieme al prof. Gianni Mastella, persone coinvolte a livello professionale, familiare, istituzionale e associativo nella lotta contro la fibrosi cistica – si sottolinea “che il premio si pone come un riconoscimento ai programmi di formazione, alle attività di sensibilizzazione e agli innovativi progetti di ricerca condotti dall’associazione nell’ambito della fibrosi cistica, malattia rara di origine genetica”.
"Siamo fieri e onorati per questo importante riconoscimento, che non fa altro che legittimare gli sforzi di quanti da anni, all’interno della Fondazione, stanno lavorando su tutti i fronti per arrivare quanto prima alla meta prefissata, la cura definitiva di questa crudele malattia genetica”, dichiara Vittoriano Faganelli, presidente della FFC, che aggiunge: “Il rigore e la tenacia sono i nostri imperativi fin dalla nascita della onlus, e rappresentano le basi sulle quali abbiamo fondato la credibilità di questa istituzione con scopi  scientifici, che ha saputo dar vita ad  una rete di ricercatori  italiani d’ccellenza, promuovendo e finanziando nel giro di pochi anni  ben 163 progetti di ricerca, rigorosamente selezionati da esperti di valenza internazionale"
È stata Tecla Zarantonello, responsabile settore comunicazione FFC, a ritirare il Premio a margine della tavola rotonda svoltasi oggi nella Capitale sui temi del non profit (“Dal Welfare State al Welfare Comunitario: nuove potenzialità e nuove sfide per il Non Profit”), alla quale hanno partecipato fra gli altri Roberto Nicastro, Deputy Ceo di UniCredit, Gabriele Piccini, Country Chairman per l’Italia  Maurizio Sacconi, Ministro del Lavoro e Politiche Sociali, e Stefano Zamagni, Presidente dell’Agenzia per le ONLUS. Le altre associazioni che hanno vinto il Premio – consistente in una somma di 20 mila euro messa a disposizione da UniCredit Foundation per ciascuna organizzazione – sono la Lega del Filo d’oro di Osimo (Ancona), la Casa delle donne per non subire violenza di Bologna, il Centro Padre Nostro – Don Puglisi di Palermo e la Fondazione Manuli di Milano. All’incontro ha partecipato anche una folta rappresentanza dei 1.400 ‘Amici del Non Profit’, dipendenti di UniCredit che si sono offerti di testimoniare l’attenzione della banca per il terzo settore.
Il Premio Universo Non Profit intende costituire una concreta occasione per dare visibilità e premiare le migliori eccellenze del non profit, un settore che sta conquistando una sempre maggiore rilevanza, considerato che oggi ne fanno parte 250 mila associazioni e imprese che impiegano oltre 700 mila lavoratori retribuiti e oltre 5 milioni di volontari. Il riconoscimento avviene ad un anno esatto dall’avvio dell’iniziativa di UniCredit, Universo Non Profit, che intende offrire un concreto contributo allo sviluppo del Terzo Settore attraverso una gamma di prodotti e servizi dedicati, un percorso di valutazione creditizia capace di valorizzare le specificità del non profit e strumenti per supportarne la raccolta fondi.
FONDAZIONE PER LA RICERCA SULLA FIBROSI CISTICA -ONLUS(Verona)
La FFC, Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica-Onlus è stata fondata a Verona nel 1997, per volere degli imprenditori Vittoriano Faganelli e Matteo Marzotto, con la collaborazione del prof. Gianni Mastella. In tredici anni di assidua attività ha sviluppato una rete italiana di ricerca che si cimenta sempre più in aree avanzate e promettenti, con risultati che si stanno rivelando coerenti con le attese. La FFC promuove, seleziona e finanzia progetti avanzati di ricerca clinica e di base per migliorare la durata e la qualità di vita dei malati e sconfiggere definitivamente la malattia genetica grave più diffusa tra le popolazioni occidentali. I progetti sin ora finanziati sono 163 e hanno coinvolto oltre 400 ricercatori italiani e 130 laboratori e centri di ricerca. Rilevanti i risultati sin ora raggiunti: dall’ identificazione di molecole atte a correggere e potenziare la proteina CFTR difettosa, alla comprensione dei meccanismi che portano all’infiammazione cronica distruttiva del polmone e, infine, allo sviluppo di nuove strategie per contrastare l’azione di batteri infettanti i polmoni e divenuti resistenti ai comuni antibiotici.  Sono “progetti di speranza”, dunque, quelli promossi e finanziati ogni anno dalla FFC. Come ricorda il prof. Gianni Mastella, direttore scientifico della Onlus,"le conquiste nel mondo della salute sono sempre frutto dell’intuizione e della tenacia di scienziati che, giorno dopo giorno, cuciono un ampio tessuto di conoscenze utili, nel tempo, per la cura definitiva di gravi malattie come la fibrosi cistica".
Donare con fiducia- La Fondazione si è volontariamente sottoposta alla procedura di valutazione che ne ha sancito la certificazione di aderenza alla Carta della Donazione, quale organizzazione che opera secondo criteri di efficienza, trasparenza, credibilità e onestà. Ed è così entrata a far parte del ristretto numero di realtà italiane riconosciute con queste caratteristiche dall’Istituto Italiano della Donazione (IID). Annualmente viene sottoposta a verifiche mirate a consentire il mantenimento dei requisiti richiesti dall’Istituto, in presenza dei quali può utilizzare il marchio “Donare con fiducia”, a garanzia dei donatori.
Inoltre, il sito web della Fondazione,www.fibrosicisticaricerca.it, è stato insignito della certificazione HON per l’affidabilità dell’informazione medica.

Condividi ora!