Tosi su mafia: “Mai confuso Sindaco e maggioranza cittadini Gela con mafia”

di admin
“Non ho nulla di personale nei confronti del Sindaco di Gela, Angelo Fasulo, che, sono convinto, sta compiendo ogni sforzo utile per cancellare dalla sua città l’etichetta di città mafiosa.

Semplicemente,  nel corso di un dibattito televisivo, mi sono limitato ad affermare che in Sicilia esistono territori in cui la mafia è riuscita a penetrare maggiormente e territori in cui le infiltrazioni mafiose sono minori e Gela – dati statistici alla mano – risulta purtroppo una delle aree in cui la mafia è riuscita a mettere radici più profonde”. Lo ha affermato Flavio Tosi in relazione alle polemiche seguite alle sue dichiarazioni nella trasmissione televisiva “L’Infedele”.   “Non ho mai avuto dubbi sul fatto che la maggior parte dei cittadini di Gela non sia mafiosa e apprezzo la battaglia condotta dall’Amministrazione comunale e dal suo sindaco -così come dal suo predecessore, che è stato anche nel mirino della mafia stessa-  per promuovere sul territorio e soprattutto fra i giovani la cultura della legalità e della fiducia nello Stato e nelle sue istituzioni. Le mie affermazioni, quindi, non volevano essere un attacco al sindaco o all’Amministrazione comunale di Gela, ma solamente rilevare che la penetrazione mafiosa non è allo stesso livello  in tutta la Sicilia e che, fortunatamente, lo Stato ora sta contrastando i fenomeni mafiosi più fermamente ed efficacemente che negli anni passati. In Sicilia sono venuto spesso e a Gela verrei volentieri perché da parte nostra solidarietà nella lotta alla mafia e vicinanza contro l’antistato ci saranno sempre”.

Condividi ora!