“Campogiovani 2010”: corsi estivi per ragazzi dai 14 ai 22 anni

di admin
I Vigili del Fuoco di Verona raccolgono le adesioni per il nord Italia.

Stamattina, venerdì 14 maggio, nella sala Verde del Palazzo scaligero, l’assessore all’Istruzione Marco Luciani ha presentato il programma “Campogiovani 2010”, sostenuto dal Ministero della Gioventù in collaborazione con i Vigili del Fuoco, la Marina Militare, le Capitanerie di Porto e la Croce Rossa Italiana.
Erano presenti: Giovanni Pontara, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale; Mario Sarno, comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, accompagnato dai funzionari Rodolfo Ridolfi e Paolo Perego; Claudia Rimondo, del gruppo volontari del soccorso della Croce Rossa di Verona.
Il campi estivi, che si svolgeranno da giugno a settembre, sono destinati a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 14 ed i 22 anni. I campi che si occupano di trasmettere la cultura della sicurezza e della prevenzione antincendio faranno capo ai Vigili del Fuoco di Verona per la raccolta di adesioni del nord Italia. Le domande devono essere inoltrate entro il 24 maggio. I dettagli sono reperibili nell’home page del sito della Provincia. 
Luciani: “La Provincia crede molto nell’iniziativa promossa dal ministero della Gioventù e ne condivide le motivazioni. Intende, pertanto, sensibilizzare gli studenti delle scuole veronesi e soprattutto farsi promotrice del senso profondo del volontariato come scelta di vita. Credo che per i ragazzi sarà importantissimo vivere immersi nella natura e apprezzare i valori dell’impegno civile, stando vicino per sette giorni a chi è quotidianamente a servizio dei cittadini come appunto i Vigili del fuoco e i volontari della Croce rossa.”
Sarno: “Mi piace lo spirito di collaborazione che ci lega alla Provincia che io considero la vera casa di tutti i veronesi. Penso, inoltre, che alle nuove generazioni che parteciperanno ai campi giovani possiamo veramente trasmettere ideali preziosi e fondamentali per la loro esistenza. I ragazzi coinvolti in Italia saranno 800, una sessantina i veronesi, suddivisi in tre settimane.”
Rimondo: “Come Croce rossa, nei campi giovani ci occuperemo soprattutto di sensibilizzare i giovani ai valori dell’integrazione e della condivisione per contribuire alla crescita di una società, davvero, multietnica.”
Pontara: “La scuola veronese è a fianco della Provincia nel ruolo di coordinamento e di promozione del progetto. Siamo certi che i nostri ragazzi coglieranno al volo un’opportunità impagabile per la loro crescita umana. Un plauso, quindi, a Vigili del Fuoco e Croce Rossa di Verona ed anche a Provincia e Ministero.”

Condividi ora!