Maurizio Danese confermato presidente Aefi all’unanimità

di admin
L'amministratore delegato di Veronafiere è stato confermato alla guida dell'Associazione Esposizioni e Fiere italiane.
Maurizio Danese è stato confermato all’unanimità alla guida di Aefi, l’associazione di riferimento per il sistema fieristico italiano; lo affiancheranno i vicepresidenti Simona Rapastella, Antonio Bruzzone, Maurizio Renzo Ermeti e Renato Pujatti.
Lo ha deciso l’Assemblea Aefi, oggi a Palazzo Piacentini del Mimit, dopo aver eletto anche il nuovo Consiglio direttivo in presenza, tra gli altri, del ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso. Tra i membri designati, nella categoria “quartieri fieristici”, Antonio Bruzzone (dg BolognaFiere), Maurizio Renzo Ermeti (presidente Italian exhibition group), Pietro Piccinetti (Sicilia Fiera), Renzo Piraccini (presidente Cesena Fiera) e Renato Pujatti (presidente Pordenone Fiere). Per la categoria “organizzatori”, Brenda Bellei (Ceo di White), Simona Rapastella (dg FederUnacoma-Eima) e Silvio Viale (presidente Salone internazionale del libro di Torino).
«Il secondo mandato si prospetta certamente meno complicato, ma non certo meno sfidante, rispetto al primo – ha detto il presidente Aefi, Maurizio Danese – in cui la pandemia ha imposto uno stop temporaneo a tutto il sistema fieristico. Se stiamo ancora progettando la crescita del comparto è in buona parte grazie alle istituzioni del Paese, che hanno ben compreso il ruolo delle fiere quale principale vettore del made in Italy contribuendo in modo determinante alla tenuta di un sistema quasi azzerato negli anni Covid».
«Oggi – ha concluso il presidente, anche ad di Veronafiere – Aefi rilancia la propria missione, rafforzando la rappresentatività unitaria dell’industria fieristica. Al contempo, lavorerà assieme al Governo per una decisa accelerazione sul fronte delle manifestazioni organizzate all’estero e aprendo sempre più la compagine associativa agli organizzatori di grandi eventi».
Prova ne è la recente crescita dei nuovi soci: oltre ai 40 tra i principali quartieri fieristici italiani si sono aggiunti 13 organizzatori di manifestazioni in  rappresentanza dei diversi comparti del made in Italy.
Per il ministro Adolfo Urso (Mimit): «Dobbiamo migliorare la capacità di proiettarci sui mercati internazionali: insieme si vince, divisi si perde. Questo slogan emblematico vale anche per il sistema fieristico italiano: c’è bisogno di lavorare assieme per creare un unico braccio che possa consentire alle fiere di presentarsi compatte all’estero. L’obiettivo è portare a sistema le proprie peculiarità. Il ministero – ha concluso Urso – è disponibile a lavorare con il settore per rendere l’Italia più competitiva a livello globale».
«La rielezione all’unanimità di Maurizio Danese a presidente di Aefi – sottolinea Federico Bricolo, presidente di Veronafiere – è un riconoscimento prima di tutto della grande capacità di reazione che il nostro amministratore delegato ha saputo mettere in campo da luglio 2020, in piena crisi pandemica, con il settore industriale delle fiere letteralmente in ginocchio. Da quel momento in avanti, Danese è riuscito a tessere relazioni fondamentali con il mondo della politica e delle istituzioni portando alla loro attenzione la rilevanza socioeconomica del settore fieristico per il sistema Paese. Una attività che ha consentito di attuare un corretto piano di ristori, essenziali per la piena ripartenza del comparto nel 2023 e che ha consacrato definitivamente il settore fieristico come un asset fondamentale per lo sviluppo dell’economia nazionale, tanto in chiave export quanto riferita all’indotto che essa crea in termini occupazionali e di ricchezza sui territori».
Secondo Aefi, il 2023 si chiuderà con un’ulteriore crescita del comparto italiano delle fiere, con una prospettiva di aggancio ai numeri del 2019 fissata per il 2024. È infatti di 9,64 milioni di metri quadrati la superficie espositiva impiegata quest’anno, il 10% in più sul 2022 ma ancora il 10% in meno sul 2019. Quasi 125 mila gli espositori fieristici e circa 18 milioni i visitatori, in crescita rispetto allo scorso anno (+20%) ma anche rispetto al benchmark 2019 (+4%), a testimonianza di come il b2b fieristico si confermi leva fondamentale per l’impresa Italia.
Sono state 531 le manifestazioni tra nazionali (264) e internazionali (267). Tra queste ultime spiccano i settori del tessile, abbigliamento, moda (53 fiere), seguiti da food, bevande, ospitalità (42), sport, arte, intrattenimento (38) e industria, tecnologia, meccanica (30); con Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana e Veneto che sommano il 70% delle fiere internazionali organizzate in Italia.
Secondo l’indagine Prometeia realizzata lo scorso anno, il sistema fieristico italiano (2° in Europa e 4° al mondo) rappresenta un moltiplicatore di business, con un impatto sui territori quantificabile in 22,5 miliardi di euro l’anno. Un driver importante anche in chiave di turismo fieristico, il cui valore calcolato da Prometeia supera i 10 miliardi di euro l’anno, corrispondenti ad un valore aggiunto di 4,8 miliardi di euro.

Maurizio Danese

Dal 16 giugno 2022 Maurizio Danese è Amministratore delegato di Veronafiere Spa. Nel 1987 fonda e amministra la sua prima società, la Center Catering Spa e negli anni seguenti matura numerose esperienze in importanti realtà venete ed emiliane nel settore food&wine. Oggi è vicepresidente di Pregis Spa, società leader nel settore del food service, specializzata nella fornitura di prodotti alimentari al canale horeca. Nell’ottobre 2015 viene designato alla presidenza di Veronafiere diventando l’artefice principale della sua trasformazione da ente a società per azioni, avvenuta nel 2016. Nel 2019, dopo aver ricoperto la carica di vicepresidente nel biennio precedente, assume ad interim la presidenza di Aefi, confermata nel 2020.

Leggi ora

In Evidenzia

Progetto Fuoco 2024: in fiera a Verona 45mila operatori

di Redazione | 02/03/2024
Progetto Fuoco 2024 - VeronaFiere - EnneviFoto

Donazzan a Bardolino per il convegno sulla scuola: «Temi delicati»

di Redazione | 02/03/2024
Tavola rotonda Snals-Confsal - assessore Donazzan

Turismo: Verona è una città che sa adattarsi alle tendenze

di Redazione | 01/03/2024

Destination Verona & Garda Foundation in partenza per Berlino

di Redazione | 01/03/2024

Turismo culturale, Veneto seconda regione d’Italia

di Redazione | 01/03/2024
Coda davanti al Cortile di Giulietta a Verona.

Energia: mercato stabile, ma più caro rispetto al pre-crisi

di Redazione | 29/02/2024
Contatori di energia elettrica in un palazzo (Foto archivio).

Geometri, è boom di pre-iscrizioni

di Redazione | 28/02/2024
Romano Turri e Nicola Turri del Collegio dei Geometri di Verona.

Le Piazze dei Sapori 2024, ecco le date: dal 9 al 12 maggio

di Redazione | 27/02/2024

Yeah, dieci anni nel segno dell’innovazione e dell’inclusione sociale

di Redazione | 27/02/2024
Cooperativa YEAH

Condividi ora!