Case di riposo. CGIL SPI: «Situazione grave, rincari delle rette fino a 5.580 euro»

di admin
L'ennesimo campanello d'allarme arriva da Adriano Filice, Segretario Spi Cgil Verona: «Famiglie in grande difficoltà. Emergenza da affrontare in modo equo, trasparente, condiviso ed organico».

La situazione delle case di riposo è grave, gli aumenti della componente alberghiera della retta intervenuti già a partire dalla fine del 2022 sotto forma di contributo al caro energia e poi continuati nei primi mesi del 2023 per effetto dell’applicazione dell’adeguamento Istat di ben 7,8 punti, hanno aggravato in maniera ormai insostenibile la condizione economica dei famigliari chiamati ad integrare le somme a carico dei propri cari spesso non autosufficienti. Parliamo di aggravi compresi tra i 1.860 euro all’anno (5 euro al giorno) fino ai 5.580 euro all’anno (15 euro al giorno).

A riportare dati e considerazioni è Adriano Filice, Segretario Spi Cgil Verona.

In graduatoria attualmente ci sono 1.486 persone, anziani in attesa di un ricovero. Non va dimenticato il problema del grande e grave fabbisogno di personale, specialmente di tipo medico e infermieristico. C’è quindi l’assoluta necessità di rinforzare il servizio e aumentare il numero delle impegnative. 

Negli ultimi anni, se prendiamo a riferimento le quote per la componente alberghiera stabilite dal Comitato dei Sindaci del Distretto 1 e 2 dell’Ulss 9 (Verona Città e dell’Est Veronese) i valori a carico delle famiglie sono lievitati dai 50-55 euro al giorno del periodo pre-crisi, ai 54-60 euro riconosciuti a partire dalla fine di aprile 2022 (deliberazione numero 4 seduta del 7 aprile 2022) fino agli attuali 60-70 euro al giorno (deliberazione numero 2, seduta del 6 marzo 2023). 

Ci sono arrivate decine di segnalazioni di famiglie in difficoltà. La situazione va dunque affrontata con urgenza ma in modo condiviso, trasparente, organico ed evitando inutili guerre tra poveri. 

In questa gravissima situazione che grava sulle famiglie, ma anche su chi gestisce le case di riposo, registriamo una colpevole assenza politica della Regione Veneto che nell’ultimo Dgr destina a pioggia finanziamenti assolutamente inutili (170 mila euro per il Festival dei Luoghi misteriosi del Veneto) e non dedica l’attenzione necessaria al sostegno di migliaia di persone non autosufficienti. 

Deve essere chiaro che quando la politica regionale si vanta di non mettere le mani nelle tasche dei veneti, ad esempio rinunciando alla piena applicazione dell’addizionale regionale irpef, aggrava la condizione delle famiglie più in difficoltà perché rinuncia ad adeguare i servizi al reale fabbisogno. 

Secondo alcuni studi, l’applicazione di un sistema a scaglioni per quanto riguarda l’addizionale regionale Irpef permetterebbe di incamerare fino a 300 milioni di euro all’anno, distribuendo il carico fiscale (l’attuale aliquota del 1,23% uguale per tutti potrebbe salire fino al 3,3% graduato per scaglioni) tra chi ha di più. 

Il confronto sul governo andrebbe dunque impostato non su chi paga il potenziamento del servizio ma sulla determinazione degli scaglioni Irpef che ancora oggi pesano troppo sulle fasce più deboli. È’ giusto che chi ha di più contribuisca di più. 

Va ricordato inoltre che il Veneto è rimasta l’unica regione a non aver approvato una riforma delle Ipab in grado di rimettere queste strutture al passo con i tempi. 

Parallelamente all’intervento a sostegno delle case di riposo, è necessario procedere con il potenziamento delle reti di assistenza domiciliare, oggetto della nuova legge sulla non autosufficienza di cui attendiamo con grande attenzione i decreti attuativi previsti tra la fine dell’anno e l’inizio del 2024. Non vorremmo, infatti, che questa fosse una riforma senza finanziamenti. 

Già oggi quasi il 63,5% del Fondo regionale per la non autosufficienza del Veneto, che nel 2021 ammontava a 832,9 milioni di euro, va al sistema delle case di riposo, lasciando solo il 13% alle impegnative di cura domiciliare. 

Ricordiamo infine che non tutte le persone ricoverate in casa di risposo godono dell’impegnativa regionale (il 25%) e sono costrette a pagare la retta intera (componente alberghiera più componente sanitaria). E’ importante sostenere le case di riposo, è altrettanto importante sostenere le famiglie. È arrivato il momento di alzare un grido di indignazione profonda, ma soprattutto fare in modo che questo grido cambi concretamente le cose. 

Leggi ora

In Evidenzia

Sportelli pubblici, CGIA: «Code più lunghe per 2,5 milioni di italiani»

di Giorgia Preti | 03/03/2024
coda cgia mestre

Progetto Fuoco 2024: in fiera a Verona 45mila operatori

di Redazione | 02/03/2024
Progetto Fuoco 2024 - VeronaFiere - EnneviFoto

Donazzan a Bardolino per il convegno sulla scuola: «Temi delicati»

di Redazione | 02/03/2024
Tavola rotonda Snals-Confsal - assessore Donazzan

Turismo: Verona è una città che sa adattarsi alle tendenze

di Redazione | 01/03/2024

Destination Verona & Garda Foundation in partenza per Berlino

di Redazione | 01/03/2024

Turismo culturale, Veneto seconda regione d’Italia

di Redazione | 01/03/2024
Coda davanti al Cortile di Giulietta a Verona.

Energia: mercato stabile, ma più caro rispetto al pre-crisi

di Redazione | 29/02/2024
Contatori di energia elettrica in un palazzo (Foto archivio).

Geometri, è boom di pre-iscrizioni

di Redazione | 28/02/2024
Romano Turri e Nicola Turri del Collegio dei Geometri di Verona.

Le Piazze dei Sapori 2024, ecco le date: dal 9 al 12 maggio

di Redazione | 27/02/2024

Condividi ora!