Wine to Asia al debutto con il più grande padiglione tricolore mai allestito in Cina

di admin
Si alza il sipario su Wine to Asia, l’appuntamento asiatico di Veronafiere dedicato a wine & spirits in calendario a Shenzhen fino al 13 maggio.

Si alza il sipario su Wine to Asia, l’appuntamento asiatico di Veronafiere dedicato a wine & spirits che da oggi al 13 maggio inaugura a Shenzhen il calendario 2023 delle fiere internazionali dentro in confini del colosso asiatico. Approdo strategico nella Greater Bay Area (motore economico cinese con oltre 100 milioni di abitanti), lo Shenzhen Convention & Exhibition Center di Futian ospita per l’occasione oltre 450 espositori da 27 Paesi, 1.500 brand e 15 mila operatori attesi da tutta la Terra del Dragone, frutto di una campagna nazionale di incoming durata più di due anni e tenuta viva da roadshow ed eventi dedicati anche sotto la stretta della Politica Covid 0.

In vetrina, gli undici padiglioni nazionali ufficiali dei principali player dell’offerta enologica mondiale per il mercato cinese, organizzati da ITA/Agenzia ICE, Spectacular South Africa, Wines of Portugal, Wines of Argentina, I Feel SLOVEnia, Spain Top Wines, Yantai, Rioja, Sud de France, dai Consolati Generali di Argentina e di Uruguay a Guangzhou e dalla sezione commerciale del Consolato generale del Belgio. In particolare, l’Italia si presenta a Shenzhen con una rappresentanza di più di 100 aziende e il più grande padiglione di bandiera (con 71  brand del vino tricolore) mai allestito in Cina, per la prima volta diviso per regioni di produzione e promosso con una campagna speciale (online e offline) frutto del lavoro congiunto di ICE e Veronafiere e di un programma di promozione che ha preso il via dalla campagna di incoming all’ultimo Vinitaly di Verona ed è ripartito subito dopo in Cina con il lancio ufficiale del Padiglione Italia, Paese d’Onore alla fiera governativa di Hainan (lo scorso 14 aprile).

«Da tempo Veronafiere è presente in Cina con una sede a Shanghai e con la società Veronafiere Asia Ltd. con lo scopo di promuovere eventi e rassegne nei settori in cui opera da oltre 120 anni, monitorando i mercati e le tendenze in atto nei diversi comparti – sottolinea il presidente di Veronafiere, Federico Bricolo –. Wine to Asia, che debutta quest’anno nel suo format completo, serve a favorire e assecondare questa ripresa, oltre a garantire lo sviluppo delle relazioni e delle condizioni necessarie a intercettare le nuove rotte di un mercato che rimane unanimemente il più interessante tra i Paesi emergenti nella domanda di vino globale. Siamo convinti che il mercato cinese possa invertire la sua rotta dopo un biennio di forte decremento della domanda e per questo focalizziamo l’attenzione non solo sugli sviluppi in atto nel mondo del vino, ma anche – conclude Bricolo – ai cocktail, alle proposte a basso contenuto alcolico e al fuoricasa, tutti trend ben rappresentati nella manifestazione».

Il programma

Sul fronte del programma, Wine to Asia conta oltre 30 masterclass e degustazioni premium di vino e spirits, curate da alcune delle voci più autorevoli della scena enologica globale e cinese. Si va da Ian D’Agata, critico di fama internazionale e curatore di MicroMega Wines che aprirà la prima vera edizione di Wine to Asia con 11 vini ambasciatori degli altrettanti padiglioni nazionali, all’educatore di Chongqing, Vincent Xu, diventato famoso per aver scritto un importante articolo sul distillato cinese Baijiu sul sito web in lingua inglese di WSET. E se una delle produttrici più celebri in Cina, Judy Chan, accenderà i riflettori sul vino cinese nel suo keynote speech, Yang LV, l’unico Master sommelier cinese, presenterà invece i vini di due importanti chateaux di Bordeaux. Non manca l’attenzione alla sostenibilità, oggetto di un webinar e di una masterclass organizzate rispettivamente della Camera di Commercio Italiana in Cina e da Federvini.
"YGC Chinese Winemakers" è invece l’area riservata a nove tra i migliori produttori emergenti cinesi, mentre il vino naturale sarà protagonista con 30 espositori a “Living Wine”. Spazio inoltre al World Marselan Day, promosso dal media Grape Wall of China, la manifestazione annuale dedicata al vitigno a bacca nera francese che sbarca per la prima volta in assoluto in una fiera in Asia. Tra le aree speciali, infine, quella dedicata al Kombucha e alle proposte “free and low alcohol”, e quella riservata a caffè e cocktail, con la Coffee Cocktail Experience Lounge ideata congiuntamente da De’Longhi e da uno dei migliori bar di Asia, Hope and Sesame.

Non mancano le iniziative dedicate ai winelovers, che fino al 17 maggio possono avventurarsi tra iniziative e promozioni speciali di fine dining organizzate in oltre 40 wine bar e bistro sempre dalla joint venture di Veronafiere in Cina nell’ambito della Greater Bay Area Wine Week, la prima e unica iniziativa che mette in rete il mondo ho.re.ca nelle città di Guangzhou, Shenzhen, Hong Kong, Dongguan, Zhuhai, Foshan e Huizhou.

Condividi ora!