Valdegamberi presenta VALE Verona ed attacca

di admin
Verona schiacciata, sfruttata, abusata per scopi spesso personali da politici poco lungimiranti , da imprenditori pronti a sfruttare le ricchezze di Verona.

Un sistema socio-economico quello veronese che è stato affossato.  Una città ricca Verona dove,  pur essendoci  contraddizioni, si viveva abbastanza bene, invidiata da molti nel mondo, è stata guidata da una classe dirigente  che in grana parte ha pensato al proprio immediato . Il contesto socio economico,  che è andato  via via degradando,  ha permesso la spoliazione prima politica poi culturale ed infine economica di tutta la provincia  Veronese a partire dalla città. Verona come nano politico, ed ora, se vogliamo, anche nano finanziario. Questa  in sintesi l’analisi  del Consigliere Regionale. Aggiungiamo  noi  che la  causa va ricercata negli  errori, nelle manchevolezze, nell’incapacità,  nella voglia di primeggiare senza fare sacrifici puntando alla conquista del  consenso sociale, tout court.  Rileviamo anche  che tra gli strumenti usati  da molti  politici e  imprenditori e istituzioni, visto  l’isolamento politico , è stata  la finanza facile. Si è dato fondo alle ricchezze , ai  soldi  accumulati in decenni dai veronesi con grande  deresponsabilizzazione.  Una analisi quella di Valdegamberi, rivolta   a chi può  fare qualcosa, per  smuovere le coscienze,  per far recuperare a  Verona quel  ruolo importante che ha sempre avuto nei secoli.  Colpe  di cui egli stesso  ha detto di assumere la sua  parte,  ma colpre da  cui, da tempo, cerca  di rimediare con  una attiva partecipazione.   Per esempio  si   è  assunto  la paternità  di essere riuscito, assieme alla Lega   veronese,  a bloccare l’originaria operazione AGSM , l’ennesimo progetto di spoliazione delle imprese veronesi.  Valdegamberi ha sottolineato  che ora è vantaggiosa l’alleanza sancita con voto del Consiglio Comunale   che mantiene a Verona l’AGSM,   ma ora  i veronesi devono  dimostrare che si può fare meglio e che non ci si può fermare. Egli ha precisato che si  devono cercare altre alleanze  in specie nell’asse nord sud, come al tempo in cui  Verona era alleata con gli imperatori nord europei.Infatti  ha detto che Verona non viene  sostenuta  né da Milano  né da Venezia per cui  gli spazi se li deve cercare altrimenti.
Tornando alla cronaca, segnaliamo che l’intervento del Consigliere  è stato  molto sentito  e partecipato dai  presenti ( diverse persone non  hanno potuto presenziare stante le limitazione da pandemia). Presentiamo in allegato  il  comunicato stampa diffuso per l’occasione. A quanto  è  emerso, dopo l’analisi sociologica, Valdegamberi vorrebbe che il movimento "Verona VALE"   riparta dalle forze sane e intraprendenti della città. La sensazione che scaturiva dall’ascoltare le parole fluenti e incalzanti  di Valdegamberi   era che i maggiorenti veronesi  in questi ultimi anni si fossero comportati come fecero  i veneti  all’arrivo di Napoleone: consegnarono al francese   la Serenissima per timore  e senza  vera opposizione.

Condividi ora!