Fieragricola Internazionale, Verona.

di admin
Cinque nuovi road shows e due eventi, in stalla, verso l’edizione 2020. Dialogo con i territorio, per promuovere l’innovazione in agricoltura.

 Fieragricola, la rassegna internazionale dedicata all’agricoltura e alla zootecnia, pensa già alla sua 114ª edizione, prevista, dal 29 gennaio, all’1 febbraio 2020. Sette iniziative-dialogo toccheranno, da maggio a dicembre, territori strategici per la crescita della manifestazione e dell’agricoltura italiana. Si tratta di cinque road shows: rispettivamente, in Sicilia (maggio), in Campania (giugno), in Sardegna (settembre), in Puglia (novembre) e in Calabria (dicembre), e di due eventi live in stalla, uno in Emilia (giugno) e l’altro in Lombardia (ottobre). «Lo schema è consolidato e già nelle edizioni del 2016 e del 2018 di Fieragricola, i road show avevano dato risultati molto positivi, tanto che sono stati gli stessi territori a chiedere di proseguire, con questa modalità – commenta Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –. In vista della 114ª edizione di Fieragricola, puntiamo a intensificare il dialogo diretto, con gli agricoltori, gli allevatori, gli stakeholder della filiera agricola, forti dell’unicità di una rassegna internazionale e trasversale, sempre più in grado di dare risposte efficaci alle aziende, che cercano innovazione e strumenti in grado di favorire la competitività delle imprese, dall’agricoltura di precisione alle soluzioni per migliorare il benessere animale, la sostenibilità, la multifunzione e costruire percorsi virtuosi di economia circolare». Fieragricola dialogherà con l’Agricoltura, anche partecipando eventi italiani e all’estero – Marocco e Sudafrica – del settore. Fieragricola di Verona di ieri e di domani…: l’edizione 2018 ha potuto contare oltre 130mila visitatori, con delegazioni internazionali provenienti da 33 paesi, 900 incontri b2b, 700 capi di bestiame e una grande attenzione. da parte degli operatori professionali, all’agricoltura di precisione, alla zootecnia 4.0, alle colture specializzate come vigneto e frutteto. Per il 2020, Fieragricola potenzierà le aree della zootecnia (accanto all’Open Holstein Dairy Show, ci sarà il confronto europeo per Nazioni della razza Bruna e sarà rafforzata la presenza del segmento avicolo e della mangimistica), ma anche della meccanizzazione agricola, grazie all’ampliamento delle aree espositive, delle energie rinnovabili, della multifunzione e dell’economia circolare, dei servizi e del Dynamic Show.  Nell’edizione 2020, novità sarà il completamento del polo vitivinicolo di Fieragricola, con la concomitanza di Enolitech, salon, al quale sarà riservato il padiglione 3 del quartiere fieristico. Il Salone è dedicato a tutti gli operatori del settore della viticoltura, dell’olivicoltura e delle tecnologie per la gestione della cantina, dei frantoi, dei birrifici. Tutto, quindi, con la volontà di creare innovazione, di portare innovazione, informando e mostrando, per creare sempre migliore cultura in un’agricoltura, quella italiana, specialmente, che, in un mondo d’estrema concorrenza, dev’essere sempre in grado di egregiamente superarla.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!