REFERENDUM INDIPENDENZA, CANER E TOSATO: “NOSTRO SI’ SUFFRAGATO DA DIRITTO INTERNAZIONALE. CONSIGLIERI VENETI SI ASSUMANO RESPONSABILITA’, BASTA COI RINVII”

di admin
“Noi votiamo per l’indipendenza”. E’ un enorme manifesto verde, che campeggia oggi sulla facciata di palazzo Ferro Fini, a riassumere la posizione della Lega nei confronti dell’indizione del referendum sull’indipendenza del Veneto.

Lo striscione ha accolto le centinaia di cittadini che sotto le bandiere del Leone di San Marco hanno manifestato sul piazzale della Salute per chiedere ai consiglieri di decidere finalmente, prendendo una posizione forte per l’autodeterminazione del popolo veneto.
“La Lega non può che confermare quanto porta avanti da sempre – dichiarano Federico Caner e Paolo Tosato, capogruppo e vicecapogruppo del Carroccio -. E diciamo oggi che la scelta peggiore non è che qualche partito voti contro il referendum, ma che il testo sia rinviato in Commissione. I cittadini ci chiedono di decidere, la democrazia ce lo chiede. Noi siamo rappresentanti dei veneti e dobbiamo assumerci la responsabilità di scegliere. Per quanto ci riguarda, noi siamo per l’autodeterminazione dei popoli e vogliamo l’indizione di questo referendum consultivo, che peraltro riteniamo legittimo perché ad ammetterlo è il diritto internazionale cui si rifà l’ordinamento giuridico italiano secondo l’art.10 della Costituzione”.
“La Lega – proseguono Caner e Tosato – ha presentato due emendamenti a questo progetto di legge, per ridefinire la data della consultazione e per creare una Fondazione che finanzi il referendum affinchè non ricada sulle casse pubbliche, sgravandolo da ogni polemica o speculazione inutile. Siamo certi che i Veneti, abituati a pagare per gli sprechi del Paese Italia, stavolta accetteranno di sostenere una consultazione che andrà a decidere del loro futuro e del destino della nostra Regione”.

Condividi ora!