La “Cantina Castelnuovo del Garda” a convegno in piazza dei Signori, organizzato dal Consorzio di Tutela Vino Bardolino. “Astra Ricerche” conferma l’ottimo nome della Cantina e dei suoi vini. Un punto vendita in via Leoncino 27, Verona.

di admin
Non basta promuovere il prodotto dell’uva e quello del latte, questa volta, di Lessinia, solo parlandone. Occorre anche studiare il pensiero dei consumatori e delle loro esigenze, alla luce della rapida evoluzione dei tempi e, quindi, dei gusti.

A tale scopo, il Consorzio di Tutela del Vino Bardolino DOC – del quale è importante socia, con le migliori caratteristiche la Cantina Castelnuovo del Garda – ha commissionato ad “Astra Ricerche” di Milano una dettagliata raccolta ed elaborazione di dati sulla notorietà e sul consenso, di cui la stessa “Cantina Castelnuovo” gode, non solo nel Veronese, ma anche nei vicini Mantovano e Bresciano. L’occasione della manifestazione “Il Bardolino incontra Verona gustosa” dei giorni 21-23 giugno, tenutasi, con degustazioni senza numero di vini eccellenti e di diversi tipi di “Monte Veronese”, ha dato spazio alla presentazione, da parte di “Astra Ricerche”, di un monumentale complesso di dati, riguardanti, appunto, l’attività della “Cantina Castelnuovo”, che, peraltro, opera da cinquantacinque anni, è costituita da 250 soci e produce più di quaranta tipi di vino d’alta qualità, da un totale di 250.000 quintali di uva. Se il 25% del vino ottenuto viene esportato, il resto è venduto sul territorio nazionale, non dimenticando che un buon contributo è dato dal “punto vendita”, in Verona-centro, di via Leoncino 27 – 045 49 36 210. Gli ottimi risultati della ricerca sono stati resi noti durante l’apposito convegno, tenuto dal presidente del Consorzio di Tutela Vino Bardolino, Giorgio Tommasi – fra l’altro esperto tecnico del settore e creatore egli stesso dell’ottimo “Bardolino DOC Vintage”, vol.12°, derivante dalla curata vinificazione di Corvina, Rondinella, Molinara, Garganega e Sangiovese delle Zone site fra Lazise e Sandrà. Si tratta d’una ricerca quantitativa, eseguita con 900 interviste, proiettate su 1.300.000 persone, nel novembre 2012. I dati: – Cantina Castelnuovo del Garda è nota al 43,7% degli intervistati; – di tale 43%, conoscono la Cantina il 59% dei veronesi, il 40% dei mantovani ed il 32% dei bresciani (dati importanti, che segnalano come la Cantina sia nota anche fuori della provincia di Verona e come il relativo bacino di consumo vada ben oltre i confini veronesi); – fra i vini più noti della Cantina risultano il Bardolino per il 48,6%, il Merlot, il Cabernet ed il Chardonnay per il 31,8%, il Custoza per il 26,55, il Lugana per il 24,2%, il Chiaretto per il 20,4%, gli spumanti per il 7,0% e altri tipi di vino per il 4,1%. Ma Cantina Castelnuovo ha voluto conoscere anche quale profilo d’immagine il pubblico abbia di se stessa. In merito, si è saputo che il 63,9% la considera seria, onesta ed affidabile; il 62,5% la considera di lunga tradizione ed esperienza, il 57,8%, dotata di un giusto rapporto qualità/prezzo, il 57,5% la considera “tipica della mia zona”, il 57,1% la la ritiene nota e famosa e il 51,1% vede bene la sua rosa di vini per il consumo quotidiano e a prezzi da convenienti (42,7%) a medi (31,8%). Fra gli interpellati, il 38% trova nella Cantina Castelnuovo del Garda un ottimo fornitore di vini prestigiosi e da regalo. Consuma vini della Cantina Castelnuovo circa il 50% degli interpellati, di cui il 51% uomini, il 42% donne, il 68% 18-24enni, il 57% 25-34enni, il 50% 35-44enni, il 50% 45-54enni, il 46% 55-64enni, il 29% 64enni e di essi il 46% nel Veronese, il 53% nel Mantovano e il 45% nel Bresciano. Ma non finiamo qui, perché la massima parte degli interpellati/consumatori ritiene che la Cantina sia in grado di migliorare la valorizzazione del proprio nome; che debba, visto che lo può, farsi conoscere di più ed estendere la disponibilità dei suoi vini in un maggiore numero di punti vendita di qualità, come enoteche e wine bars, in ristoranti e nei supermercati.
Dati, quindi, importanti, che sono indice di una storia scritta dalla Castelnuovo con serietà in fatto di qualità e massima attenzione al consumatore, con il valido e forte supporto del Consorzio di Tutela del Vino Bardolino DOC. Dati, che ormai sono storia e onore per Verona. A chi non avesse ancora conosciuto i vini della Cantina Castelnuovo – ottimo il Nero Assoluto! – “Verona gustosa” di qualche giorno ha certamente offerto la grande opportunità di degustarli, abbinati al “Monte Veronese”… “Verona gustosa” è stata, al tempo, anche alto omaggio ai viticoltori e ai vinificatori delle veronesi terre del Garda.

Condividi ora!