“C.S.E. a scuola” – Cellule Staminali Emopoietiche in classe Martedì 14 maggio la giornata conclusiva del progetto Al Bano testimonial dell’iniziativa

di admin
“C.S.E. a scuola”, progetto promosso dall'associazione Le. Viss. - Leucemia Vissuta in collaborazione con l'Ufficio scolastico provinciale, è giunto alla sua 2^ edizione ed è destinato ai ragazzi delle scuole superiori.

L’iniziativa ha lo scopo di formare e informare gli studenti su questa grave malattia del sangue e sensibilizzare i giovani alla donazione. Il progetto prevede diverse attività: la lettura del libro “Ha ragione Vincenzo”, in cui i ragazzi potranno ritrovare la vicenda di un loro coetaneo affetto da leucemia; la visione del film “Il bene oscuro” e la testimonianza di medici che illustreranno gli aspetti tecnici, scientifici e pratici inerenti il mondo delle donazioni.
Hanno aderito a “C.S.E. a scuola” 10 Istituti scolastici di Verona e provincia:
Liceo scientifico Girolamo Fracastoro
IPSSAR “A. Berti” sede di Soave
IPSSAR “A. Berti” sede di Chievo
I.I.S. “E. Bolisani” di Villafranca
I.I.S. “Stefani- Bentegodi” di Caldiero
Liceo scientifico “Galileo Galilei”
Istituto Lorgna-Pindemonte
Istituto Professionale “Giuseppe Medici”di Legnago
Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” di Cerea
IPSSAR “Luigi Carnacina” di Bardolino
Quest’anno, inoltre, si terrà la prima edizione del “Premio Letterario Nazionale HA RAGIONE VINCENZO”, un concorso aperto agli studenti, ai loro familiari e ad associazioni di volontariato che prevede l’invio di poesie o brevi racconti entro il 30 giugno.

Assessore Luciani: “Con grande piacere presento la serata conclusiva di “C.S.E a scuola”, un progetto che, fin dal suo esordio, ha visto un’ampia partecipazione da parte degli Istituti scolastici veronesi. Quando è nata l’associazione Le. Viss., nessuno immaginava che questa iniziativa potesse riscontrare un tale successo; l’adesione delle scuole e l’entusiasmo dei ragazzi, infatti, hanno superato ogni più rosea aspettativa. Basti pensare che, in soli due anni, ben 150 ragazzi hanno accettato la tipizzazione, cioè l’iscrizione al Registro dei Donatori di Midollo Osseo: un numero davvero significativo se si considera che comprende esclusivamente studenti maggiorenni. Proprio grazie all’impegno di realtà come Le. Viss, il nostro territorio si conferma un’isola felice a livello nazionale per quanto riguarda le donazioni, registrando un boom di donatori soprattutto tra i giovani al di sotto dei 25 anni. Mi auguro che i risultati finora raggiunti siano uno stimolo a proseguire un’attività il cui nobile fine è quello di salvare tante giovani vite”.

Presidente associazione Le.Viss – Bazzoni: “Martedì sarà la giornata conclusiva di un percorso che la nostra associazione ha avviato nelle scuole con gli studenti. Sarà un evento che darà spazio innanzitutto ai ragazzi e agli artisti loro coetanei: gruppi musicali si esibiranno con canzoni e performance a misura di teenager, valorizzando l’essere giovani, studenti e donatori. In questa occasione avremo come testimonial anche un artista di fama internazionale come Al Bano Carrisi”.

Condividi ora!