Commercio su aree pubbliche: Consiglio approva obbligo di regolarità contributiva BAGGIO E TOSATO: “UNO STRUMENTO CONCRETO CONTRO L’ABUSIVISMO E LA CONCORRENZA SLEALE”

di admin
“Basta con chi viola le regole e danneggia il mercato: con la legge approvata oggi si potranno contrastare con maggiore efficacia l’abusivismo e la concorrenza sleale che da tempo affliggono le attività legate al commercio ambulante”.

E’ quanto dichiarano il vicepresidente del gruppo Lega Nord Paolo Tosato e il presidente della Commissione Attività Produttive Luca Baggio sul progetto di legge leghista – approvato oggi dal Consiglio regionale – che stabilisce l’obbligo del documento unico di regolarità contributiva (DURC) per gli operatori del commercio su area pubblica.
“Finalmente anche il Veneto potrà introdurre l’obbligo della regolarità contributiva, come hanno già fatto altre regioni: Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige e Umbria – ha spiegato il primo firmatario della proposta di legge, Paolo Tosato -. Il provvedimento votato in aula, e condiviso dalle associazioni di categoria, va a diretto vantaggio delle imprese e dei commercianti che operano onestamente sul territorio. L’obiettivo è infatti quello di eliminare l’abusivismo e la concorrenza sleale, pratiche che in questi anni sono aumentate considerevolmente, soprattutto a causa dell’acquisizione di molte licenze da parte di extracomunitari, i quali, non pagando regolarmente, hanno messo in crisi il commercio ambulante”.
“La posizione di regolarità contributiva è verificata direttamente dai comuni – hanno aggiunto Baggio e Tosato –, accedendo alle informazioni in possesso degli enti previdenziali, anche per via telematica. Da adesso in poi – hanno concluso i due consiglieri leghisti – avremo uno strumento concreto che obbligherà chi si comporta slealmente a rispettare le regole, portando un po’ di ossigeno ai tanti onesti operatori del commercio su area pubblica”.

Condividi ora!