Prosegue domenica 25 novembre la rassegna “Famiglie a teatro” al Teatro Filippini di Verona: alle 16.30 La Contrada – Teatro stabile di Trieste porterà in scena “Biancaneve”.

di admin
Settimo appuntamento della rassegna “Famiglie a teatro” del Filippini organizzata da Fondazione Aida con la collaborazione dell’Assessorato all’Istruzione del Comune di Verona, e con il sostegno di SPARKASSE – Cassa di risparmio: domenica 25 novembre alle ore 16.30 La Contrada – Teatro stabile di Trieste presenta lo spettacolo Biancaneve.

La famosa principessa Biancaneve sarà un po’ diversa dal solito, forse meno dolce e romantica di quella tradizionale o dei film d’animazione, ma che appassiona per la sua sbadataggine. A prendere vita sulla scena sarà un “divertissement” sul testo della fiaba originale dei fratelli Grimm dove i bambini ritroveranno il burbero Brontolo e i suoi fratelli, il cacciatore, la regina cattiva e un principe un po’ speciale.
La rivisitazione in chiave ironica e divertente di questa “Biancaneve” è stata curata da Livia Amabilino e Lorella Tessarotto, che dietro all’apparente leggerezza di questa proposta affrontano il tema della necessità delle scelte, delle proibizioni, delle conseguenze negative dell’invidia e della vanità – che accompagnano da sempre la crescita di ognuno di noi. Un percorso tra luci ed ombre, come avviene quando si cammina nel bosco, finché il sostegno degli altri e la forza dell’amore non aiutano il passaggio dall’infanzia all’età adulta.
 “Biancaneve. Non aprite quella porta!” si avvale della squadra di giovani attori della Contrada che nelle ultime stagioni si sono specializzati nel settore dedicato all’Infanzia e alla Gioventù. Ad interpretare sulle scene i personaggi della storia ritroviamo Paola Saitta, Valentino Pagliei e Lorenzo Zuffi, diretti per l’occasione da Daniela Gattorno.  Le musiche dello spettacolo sono curate dalla stessa Gattorno e da Carlo Moser, mentre i costumi sono di Ida Visintin e le scene sono state realizzate dalla DACO srl, con le decorazioni di Pierpaolo Rebec. Partecipa in via amichevole all’allestimento anche Adriano Giraldi, che presta la voce allo “specchio, specchio delle mie brame”.  Realizzato con la tecnica del teatro d’attore e pensato per un pubblico di bambini a partire dai 4 anni.

Condividi ora!