BCC Veneta: una nuova alba per il credito in Veneto

di admin
Sabato mattina a Padova e pomeriggio a Vicenza si sono tenute le due assemblee straordinarie di BCC di Verona e Vicenza e di BCC Patavina che hanno approvato il progetto aggregativo per la nascita delle nuova banca.
In un contesto bancario che ha conosciuto tempi turbolenti negli ultimi anni, la notizia della nascita di BCC Veneta segna un capitolo promettente e sfidante per l’economia del Veneto. La fusione tra BCC di Verona e Vicenza e BCC Patavina, con il sostegno quasi unanime dei loro soci, non solo riempie un vuoto lasciato da istituzioni passate (pensiamo a Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca), ma introduce un attore finanziario di significativa portata.
Con 92 sportelli, BCC Veneta diventa la terza BCC italiana per dimensione, promettendo di essere un pilastro per lo sviluppo economico locale. La sua estesa rete, che copre 237 comuni, testimonia l’impegno verso un servizio che valorizza l’identità e le specificità dei territori veneti. Con oltre 700 collaboratori e 130mila clienti, BCC Veneta non è solo un ente finanziario ma un partner vicino alle comunità che serve.
Il focus sui valori del credito cooperativo, sull’impegno per la sostenibilità sociale ed ambientale, e la particolare attenzione verso i giovani, dimostrano una visione bancaria progressista. BCC Veneta non si propone di essere un mero erogatore di credito, ma un propulsore di sviluppo equo e sostenibile.
(Nella foto Flavio Piva, presidente BCC Verona e Vicenza, e Leonardo Toson, presidente Banca Patavina)
Innovazione e adattabilità sono al centro della strategia di BCC Veneta. Con un approccio policentrico e decentrato, la banca mira a cogliere le opportunità del mercato, promuovendo al contempo lo sviluppo dei business locali e sostenendo la transizione green delle imprese. Questo orientamento non solo risponde alle esigenze attuali, ma pone le basi per un futuro resiliente e prospero per il Veneto.
Inserendosi nel maggiore gruppo bancario cooperativo italiano, BCC Iccrea, BCC Veneta beneficia di una rete ampia e di risorse significative, potenziando ulteriormente la sua capacità di essere un agente di cambiamento positivo nel tessuto economico e sociale del Veneto.
La nascita di BCC Veneta, quindi, non è solo un momento significativo per il settore bancario veneto, ma rappresenta una svolta per l’intera regione. Con la sua visione innovativa, l’impegno per la sostenibilità, e l’approccio centrato sulle comunità, BCC Veneta è destinata a diventare un faro di prosperità e di fiducia per il futuro del Veneto.
Le premesse per riuscire in questa sfida ci sono tutte, la prova di maturità sarà quella di mantenere il contatto con le comunità di provenienza, senza snaturare il concetto di "banca del territorio", fondante rispetto all’identità sia di BCC di Verona e Vicenza, sia di Banca Patavina.

Condividi ora!