Cassa Padana, tre convegni per traghettare le aziende nel futuro

di admin
Passaggio generazionale, PNRR, IPO Forum. Sono questi i tre temi proposti dall'Istituto bancario bresciano per altrettanti incontri aperti al pubblico che si svolgeranno tra aprile e maggio. Si comincia mercoledì 13 a Leno.

Tre convegni fra aprile e maggio. Tre appuntamenti fra Leno e Brescia per traghettare le aziende nel futuro. Tre i temi nodali: il passaggio generazionale, le opportunità del PNRR  la sfida della quotazione in Borsa

Il primo appuntamento è per mercoledì 13 aprile al Cassa Padana Forum in piazza  Dominato Leonense a Leno: “Governance e continuità generazionale nelle imprese  familiari”.  

Per le piccole e medie imprese la tutela del patrimonio familiare nel passaggio  generazionale rappresenta ormai un tema imprescindibile. È necessario preparare questa  delicata transizione nei tempi e con le modalità adeguate, relativamente agli asset  finanziari, immobiliari e aziendali. 

L’incontro del 13 aprile affronterà in modo puntuale proprio questi temi, facendo luce,  grazie all’esperienza concreta dei relatori, sulle modalità che permettono di assicurare nel  tempo e tra le generazioni la crescita, la governabilità e la tutela del patrimonio  dell’impresa e della famiglia. Al centro della riflessione le sfide e i rischi per le imprese  familiari con il trascorrere del tempo, gli errori più frequenti, gli strumenti concreti di  intervento e quelli di pianificazione successoria. Non mancherà l’analisi di alcuni modelli di  passaggio generazionale e case history. Il convegno sarà moderato da Sergio Simonini,  esperto in materia e consulente di Cassa Padana. 

Secondo appuntamento il 28 aprile, sempre al Cassa Padana Forum di Leno: “Un nuovo  Piano per l’Italia”. 

Al centro del dibattito il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza strumento imprescindibile  per riconnettere il territorio dopo questo lungo periodo di crisi economica. Il PNRR  rappresenta infatti un’opportunità sia per il sistema bancario che per lo sviluppo del  territorio e delle sue imprese. Grazie ai suoi incentivi le imprese potranno affrontare al  meglio anche quella trasformazione digitale indispensabile per poter competere con il  mondo. Su questo specifico settore sarà preziosa l’esperienza dell’azienda bresciana  Neosperience Lab, il cui CEO Luca Lesignoli sarà fra i relatori.  

Ultimo incontro il 4 maggio, nella filiale bresciana di via Valcamonica 12H: “IPO Forum.Le  opportunità per le aziende bresciane”. 

Se è vero che in questo periodo l’impresa si trova al centro di una tempesta perfetta, è  altrettanto certo che esistono strade per uscirne rafforzati. Una di queste è la quotazione in Borsa.  

La Borsa è a disposizione delle aziende che vogliono crescere. In generale, una piccola e  media impresa può ottenere più vantaggi dalla quotazione rispetto a una società più  grande: le PMI fanno fatica a ottenere finanziamenti e quindi i mercati rappresentano per  loro un volano per la crescita.  

Questi tre appuntamenti sono un tassello dell’impegno di Cassa Padana come banca del  territorio a fianco delle comunità e delle imprese.  

«Il terremoto produttivo causato dalla guerra, l’accelerazione di alcuni processi  (dimensioni aziendali, digitalizzazione, sostenibilità) e il cambiamento epocale in atto  richiedono una nuova consapevolezza imprenditoriale e un sistema economico più  flessibile e strutturato per competere sui mercati», spiega Andrea Lusenti, direttore  generale dell’istituto di credito di Leno.  

«Il sistema bancario”, aggiunge, “è sottoposto a controlli sempre più ferrei da parte della  vigilanza europea che impongono modelli di business e requisiti patrimoniali sempre più  vincolanti. Ricercare soluzioni moderne alla crescita delle aziende diventa ineluttabile. 

Per questa ragione Cassa Padana ha avviato un percorso di corporate-finance e di  finanza strutturata di cui fanno parte anche questi tre convegni.  

Per sostenere eventi straordinari (passaggio generazionale, acquisizioni o fusioni aziendali,  piani di sviluppo significativi, internazionalizzazione, ingresso di nuovi partner), le aziende  non potranno ricorrere sistematicamente al debito bancario ma dovranno sperimentare  nuovi modelli di affiancamento (Mini Bond, private equity, club deal, quotazione)».  

«Cassa Padana attraverso partnership di primissimo piano – conclude Lusenti, – può fornire  soluzioni qualificate di finanza agevolata, finanza straordinaria, digitalizzazione,  sostenibilità, internazionalizzazione, check up assicurativo». 

Condividi ora!