JOB&ORIENTA: ASSESSORE DONAZZAN, “REGIONI PROTAGONISTE NELLA SFIDA DI AVVICINARE SCUOLA E LAVORO, SENZA SUSSIDIARIETÀ LE RIFORME SONO DESTINATE A FALLIRE”

di admin
“Questa edizione del Salone nazionale della scuola, della formazione e dell’orientamento inaugura una nuova stagione, il Job&Orienta delle Regioni. Sono nove le regioni presenti in Fiera a Verona, dal Veneto alla Puglia, dalla Liguria alla Lombardia, dall’Umbria, alla Toscana alle Marche, dalla Basilicata alle province autonome di Trento e Bolzano, tutte con esperienze e progetti…

Questo il messaggio che Elena Donazzan, assessore alla scuola e al lavoro della regione veneto, ha lanciato inaugurando a Verona la 26° edizione di Job&Orienta, il salone nazionale della scuola e dell’orientamento, alla presenza del ministro Giuliano Poletti.


“A Verona i sistemi regionali portano in mostra il meglio di quanto sono riusciti a fare, Negli ultimi due anni le Regioni si sono trovate ad affrontare la riforma delle Province, la controversa riforma della ‘buona scuola’, le novità introdotte dal Jobs Act e dalla riforma sulle politiche attive del lavoro, l’introduzione del sistema duale – ha messo in luce Elena Donazzan – Di fronte a queste novità le Regioni si sono trovate sole e in prima linea nell’affrontare la sfida di continuare a garantire scuola, orientamento, formazione, apprendistato e ingresso al mondo del lavoro. Novità che hanno dovuto gestire e continuano a gestire, nonostante i tagli progressivi ai propri bilanci”.


“Senza i sistemi regionali, senza territorio, senza sussidiarietà – ha proseguito l’assessore veneto – non si possono fare buone politiche scolastiche e formative. Per avvicinare scuola e lavoro servono più territorio e più autonomia: solo il dialogo diretto tra scuola, imprese e istituzioni locali riesce a garantire l’incontro tra aspirazioni personali, offerta formativa e fabbisogno professionale”.


“Lancio una sfida al governo – ha concluso Donazzan – Riavvolgiamo il nastro degli ultimi due anni e guardiamo a quanto realizzato dalle varie realtà regionali. Lo Stato sarebbe stato in grado di fare scuola, orientamento e formazione senza il sistema organizzato delle Regioni, senza gli sforzi e le energie messe in campo dai territori? La risposta è no. Non ci può essere ‘buona scuola’, non ci può essere ‘buon lavoro’, se manca il coinvolgimento del territorio, delle categorie economiche e delle istituzioni locali”.

Condividi ora!