SINDACO TOSI: “OSPEDALI DI COMUNITA’ PRONTI DA MESI MA BLOCCATI DALL’INERZIA DELLA REGIONE”

di admin
“Strutture pronte ma bloccate dalla mancata firma del dirigente competente, meno servizi alle persone malate, montagne di soldi pubblici gettati al vento. Da mesi tutti gli ulteriori cento posti letto allestiti negli ospedali di comunità all’interno dell’Ulss 20 di Verona sono pronti, ma non possono venire utilizzati per un motivo tanto semplice quanto drammatico: manca…

. Nel frattempo, si capisce, si privano i malati – in questo caso soprattutto quelli più anziani – di un servizio di prossimità più vicino al proprio domicilio e psicologicamente meno “stressante” dell’ospedale vero e proprio. In questo modo, oltre a sovraffollare i nosocomi, si generano enormi sprechi di denaro. Basti pensare che un posto letto in medicina interna costa giornalmente al sistema sanitario 250 euro in più rispetto all’ospedale di comunità (400 euro circa il primo, 135 il secondo), e dunque la mancanza di questa firma da parte del dirigente regionale brucia più o meno 25 mila euro al giorno, 750 mila euro al mese. Soldi, ovviamente, dei cittadini veneti”.
 

Condividi ora!