Inizio del nuovo anno scolastico Il presidente Pastorello e il consigliere Gambaretto in visita al Maffei e al Cangrande

di admin
Oggi, mercoledì 16 settembre, il presidente Antonio Pastorello e il consigliere provinciale con delega all'Edilizia Scolastica Lino Gambaretto hanno visitato il Liceo Maffei in occasione dell'inizio del nuovo anno scolastico e dei lavori di ristrutturazione che interesseranno l'edificio.

Al termine della visita,il presidente Pastorello e il consigliere Gambaretto, insieme con il preside del Liceo, Roberto Fattore, sono andati a salutare gli studenti del Maffei, trasferiti per quest’ anno al Cangrande, augurando loro un felice ripresa dell’attività scolastica.

La ristrutturazione, che avverrà nell’arco di due anni, si occuperà delle due aree in modo alternato così che l’utilizzo di una delle due possa essere sempre garantito. Per i lavori, sono stati stanziati circa 2 milioni e 600 mila euro, dei quali 840 mila finanziati dalla Regione Veneto. E’ stato necessario progettare una distribuzione delle aule per i 1.264 studenti iscritti per il nuovo anno scolastico 2015/2016. Pertanto, alcuni saranno trasferiti nella succursale di via Venier (2 classi) e altri verranno ospitati dal terzo piano dell’Istituto Cangrande (12 classi). Le buste della gara verranno aperte domani e poi comincerà la fase amministrativa di assegnazione del vincitore. Il cantiere comincerà verso fine anno.

Preside Fattore: «Non è usuale che l’anno scolastico si apra con un saluto ufficiale come questo in aula magna. Quest’anno scolastico però per la nostra scuola sarà particolare per via dei lavori di ristrutturazione che ci saranno qui in sede. Per questo oggi il presidente della Provincia è con noi perché saranno due anni in cui servirà la collaborazione di tutti. Oggi comunque è un giorno di festa perché quando arrivano gli studenti, gli edifici si riempiono di energia. Senza di voi, la scuola è solo una macchina che funziona ma senza il cuore».

Presidente Pastorello: «Abbiamo fatto un grosso investimento sul vostro istituto, lo abbiamo fatto perché i problemi vanno risolti. Non avremmo potuto stanziare questi fondi, ma lo abbiamo fatto ugualmente per la volontà di garantire la vostra sicurezza e perché non bisogna mai scoraggiarsi. A voi e ai vostri amici che sono nelle succursali chiediamo dei sacrifici ma sarà per il bene di tutti. Siete giovani, bravi e intelligenti e so che capirete se ci sarà qualche disagio. Del resto, questo vi aiuterà a fare un po’ di allenamento: nella vita ce ne saranno anche latri di disagi.  In bocca la lupo per il vostro anno scolastico e per il vostro futuro».

Consigliere provinciale Gambaretto: «Il Patto di Stabilità è una parola che voi nemmeno conoscete ma è la norma che ci impedisce di fare ciò che invece stiamo facendo nella vostra scuola. Appena mi sono insediato come consigliere delegato all’Edilizia scolastica, mi sono sorpreso di come una scuola tanto rappresentativa come questa versasse in cattive condizioni. Dovrete convivere con il cantiere, ma le funzioni didattiche saranno salvaguardate e gli uffici della Provincia seguiranno i lavori e sorveglieranno affinché tutto funzioni. L’ala interessata dal cantiere non sarà utilizzata».       

Condividi ora!