Non solo gatti: alla Expo Felina delle Dolomiti anche 300 bonsai

di admin
Sabato 29 e domenica 30 agosto i visitatori della Expo Felina di Longarone (Belluno) avranno modo di ammirare anche centinaia di “piante in vaso” - tra le quali alcuni esemplari secolari - provenienti dall’Estremo Oriente.

Zampe e radici, pellicce e chiome, vibrisse e rami: sia l’amicizia tra uomo e gatto sia l’arte della coltivazione dei bonsai hanno storie lunghe millenni. Nonostante questo, non sono molte le occasioni in cui i cammini di queste due passioni si sono incrociati.

Sabato 29 e domenica 30 agosto prossimi gli appassionati del Triveneto avranno l’opportunità di ammirare oltre 600 gatti di razza e 300 bonsai in un’unica esposizione.

Bon-sai significa letteralmente “pianta in un vassoio, coppa o vaso”: la caratteristica più affascinante di queste piante è che, nonostante raramente superino i 70 centimetri di altezza, l’impressione che suscitano in chi le osserva è quella di trovarsi di fronte a un vero albero, nelle sue proporzioni naturali. Nella cultura orientale il bonsai è simbolo dell’armonia fra cielo e terra, tra uomo e natura, armonia che si manifesta nell’identificazione dell’evento della crescita e dello sviluppo.

“Con un unico biglietto da 8 euro – ha dichiarato Fausto Bertolaso, del comitato organizzatore della expo – abbiamo voluto dare ai nostri visitatori l’opportunità di ammirare i meravigliosi gatti di razza dell’esposizione felina e le affascinanti, esotiche piante della mostra bonsai. Tengo a sottolineare che tutti i bonsai sono autentici, di provenienza orientale. Aspettiamo dunque un pubblico numeroso – che potrà acquistare le piante – alla Fiera di Longarone, in via del Parco 3 (a 3 chilometri dall’uscita dell’autostrada)”.
Oltre ai meravigliosi felini e alle “piante in vaso”, saranno esposti tiragraffi, cuccette, pettini e spazzole, shampoo, gadget e molto altro, e molte novità in fatto di cibo per gatti.

Condividi ora!