“Il Radicchio rosso di Verona” alla ribalta a Roveredo di Guà, nella sua XIX Fiera. Quattro giorni di attenzione ad una coltura di nicchia dell’agroalimentare del Basso Veronese.

di admin
Giorni d'importante manifestazione, già alla sua XIX edizione, l'8, il 9, il 10 e l'11 gennaio 2015, a Roveredo di Guà, località Cicogna, per dare risalto ad una produzione agricola, invernale e straordinaria, che è data dal 'Radicchio rosso di Verona', accompagnato, non dimentichiamolo, dall'estiva 'Patata dorata', pure del luogo. Una manifestazione che vuole essere,…

Collaborano fattivamente alla promozione del Radicchio rosso di Verona il Consorzio Tutela Radicchio di Verona IGP, presieduto dalla sua creatrice, Cristiana Furiani, via Sommacampagna 63H, 37137 Verona, consorzio@radicchioverona.it; l’Istituto bancario Crediveneto, presieduto da Piergiorgio Agostini, e Coldiretti, guidata dal presidente Claudio Valente. Gli stessi hanno inaugurato l’importante evento, che interagisce anche come elemento animatore della zona, assieme al sindaco di Roveredo di Guà e presidente della Provincia, Antonio Pastorello, al vicesindaco, Claudio Cioetto, al consigliere provinciale Davide Febi, ai sindaci di Soave, Lino Gambaretto; di Veronella, Michele Garzon; di Casaleone, Andrea Gennari, e di Cognola ai Colli, Alberto Martelletto, la cui presenza era rappresentativa di esperienze di rilievo, in fatto di valorizzazione di prodotti della terra delle rispettive zone, come vino, verza moretta, radicchio e piselli, che costituiscono, fra gli altri, quanto di meglio può essere denominato prodotto tipico locale di qualità.
L’agricoltura veronese non manca di nulla e manifestazioni come quella di Roveredo e delle cittadine citate, costituiscono un forte contributo alla promozione di prodotti della terra eccezionali, che, in tal modo, con il loro territorio – che è pure ricchezza – vengono sottoposti all’immediata attenzione di un pubblico, che deve sapere e conoscere, per poter supportare l’agricoltura stessa, consumando quanto la stessa offre. Nel quadro della Fiera, di massima importanza è stata la relazione di Angelo Frascarelli, Università di Perugia, sul tema PAC 2015-2020: dai pagamenti diretti al mercato, più opportunità per aggregazione e promozione.
Molto particolareggiato ed invitante il volumetto Ricette e sapori, predisposto dal Consorzio Tutela Radicchio Rosso di Verona, ricettario che, nelle sue quattordici pagine a colori, propone preparazioni speciali a base, appunto, di Radicchio rosso veronese. A margine dell’inaugurazione della XIX Fiera del Radicchio, è stata brevemente esaminata – grazie all’attenzione accordata dal presidente di Crediveneto, Agostini, il cui Istituto è particolarmente sensibile ai problemi dell’agricoltura, e dal sindaco di Soave, Gambaretto – la proposta di Paolo Ugo Braggio per un convegno di sindaci, dedicato all’europea Dichiarazione di Cork, Irlanda, del 1996. Dichiarazione, che mira a valorizzare l’agricoltore, come “sentinella del territorio”, facendo attribuire allo stesso, da parte dei Comuni, l’incarico del monitoraggio del territorio, della manutenzione di strade, di canali e di siepi, della creazione di sviluppo rurale sostenibile e di capacità d’attrazione delle zone rurali, in cui egli opera. Ciò, per promuovere e dare maggiore vita al territorio e per creare, al tempo, validi motivi per i giovani di ‘rimanere’ in campagna.
P.B.

Condividi ora!