Crediveneto, Verona, per l’arte e la cultura. Presentati dossier e rassegna sul Metaformismo nell’arte, voce ideata da Giulia Sillato.

di admin
Verona, grazie a Crediveneto – che ha la sua sede veronese in corso Porta Palio, in Palazzo Orti Manara – s'arricchisce d'un nuovo, attrattivo evento: lo speciale dossier Metaformismo, che, come principio, nel mondo dell'arte, è ben presente nel "Catalogo dell'Arte moderna", Giorgio Mondadori editore. Hanno presentato l'iniziativa – un'importante rassegna, resa preziosa dalle opere…

La voce Metaformismo è radicata nel Catalogo citato, che, peraltro, sta festeggiando i suoi cinquant’anni – la prima edizione risale al 1962 – e che codifica la maggior parte degli artisti, nella rassegna in parola presenti, e attivi in Italia, dal dopoguerra ad oggi. Alla luce di quanto sopra, il presidente di Crediveneto ha evidenziato come il suo Istituto voglia promuovere l’arte, quale genere ed occasione per creare sinergie e contribuire all’ulteriore evoluzione dell’economia territotriale e nazionale. Gianneugenio Bortolazzi, il suo Gruppo e Il Genio Italiano vedono nel Metaformismo una nuova visione dell’arte ed un nuvo orientamento nella storia della critica moderna, che spingono ad investire nella cultura e nel sapere. La grande mostra ­– un’anteprima è stata apprezzata durante la conferenza-stampa ed era data dal lavoro, Fuga dei sentimenti, in tre tele, di Claudia Rigato – apportatrice di molto nuovo, avrà luogo dal 17 al 26 dicembre 2014, nello straordinario Palazzo Castellani de Sermeti, ubicato nelle vicinanze di Castel Vecchio, Verona.
P.B.

Condividi ora!