2 giovani talenti delle Università del Veneto tra i 34 ricercatori selezionati per partecipare alla seconda edizione del Novartis BioCamp Italia

di admin
Oltre 140 le candidature pervenute da tutt'Italia, con Lombardia, Toscana e Campania in testa. 34 i selezionati, di cui 2 dalle Università del Veneto. 1.566 le pubblicazioni dei giovani ricercatori, ben 360 quelle nelle quali sono i primi autori Larga la prevalenza delle donne, che rappresentano circa il 70% del totale: su 34 partecipanti, le…

Sono 34 i giovani ricercatori che parteciperanno al Novartis BioCamp Italia 2014, organizzato in collaborazione con l’IRCCS Istituto Clinico Humanitas, in programma a Milano dal 15 al 17 dicembre.

Dalle selezioni di circa 140 candidature, che per questa edizione prevedevano criteri molto restrittivi, tra i quali la presentazione di un di un progetto di ricerca, le Università del Veneto hanno totalizzato 2 partecipazioni. Si tratta di Valentina Masola e Paola Tomei.

Valentina si è laureata in Biotecnologie Mediche presso l’Università degli Studi di Padova nel 2004. Nel 2010 ha conseguito un dottorato presso l’Università di Padova. Dal 2010 è borsista post-dottorato presso il Dipartimento di Medicina (Sezione di Nefrologia) dell’Università di Verona. I suoi interessi di ricerca sono incentrati sui meccanismi molecolari responsabili dei danni agli organi, in particolare nelle condizioni fibrotiche.

Paola invece si è laureata in Medicina presso l’Università di Verona nel 2007. Svolge attualmente un dottorato in Nefrologia presso la stessa università. Dal gennaio 2014 si occupa del decorso clinico dei pazienti sottoposti a trapianto renale, e svolge il ruolo di co-investigator in diversi programmi di ricerca e studi clinici. L’attività scientifica di Paola ha dato luogo a 21 pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali.

Rappresentata in modo equilibrato tutta la penisola, con Lombardia, Toscana e Campania ai primi posti; 29 anni l’età media e schiacciante maggioranza delle donne, che costituiscono ben il 70% del totale.

Dal profilo e dalle esperienze dei candidati emerge un quadro promettente della ‘giovane’ ricerca biomedica in Italia: complessivamente, gli aspiranti partecipanti al Novartis BioCamp Italia sono autori di 1.566 pubblicazioni scientifiche e per 360 di esse ne sono i primi firmatari, un preciso indice di riconoscimento del merito e delle responsabilità. È inoltre da sottolineare come oltre la metà dei candidati (il 53%) abbia già effettuato un’esperienza di ricerca all’estero, un fattore oggi determinante per l’interscambio e la valorizzazione delle competenze nell’ambito della comunità scientifica.

Al termine del BioCamp sarà selezionato, per ciascuna delle due aree di ricerca biomedica (immunologia e oncologia) su cui è stata focalizzata la selezione dei partecipanti, il giovane ricercatore partecipante ‘più meritevole’. Ai due vincitori, Novartis assicurerà il supporto finanziario per la partecipazione a un congresso internazionale e per una pubblicazione su un’importante rivista scientifica.

Novartis

Novartis fornisce soluzioni terapeutiche in grado di far fronte alle esigenze, in continua evoluzione, dei pazienti e della società. Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portafoglio diversificato per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci ad alto contenuto di innovazione, prodotti per la cura dell’occhio, farmaci generici a costi competitivi, vaccini preventivi, prodotti per automedicazione e specialità veterinarie. Novartis è la sola azienda al mondo a detenere una leadership in tutte queste aree. Nel 2013, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 57,9 miliardi di dollari, mentre circa 9,9 miliardi di dollari (9,6 miliardi di dollari escluse le svalutazioni e gli ammortamenti) sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo. Le società del Gruppo Novartis contano circa 135.000 collaboratori e operano in oltre 150 Paesi del mondo. Ulteriori informazioni sono disponibili nei siti www.novartis.it e www.novartis.com

Condividi ora!