ISTITUTI TECNICI SUPERIORI: Cresce il numero degli iscritti e nascono nuovi ITS, per formare le figure professionali del futuro o innovare quelle tradizionali, anche del made in italy. Dei diplomati il 65% ha trovato lavoro.

di admin
Simona, 23enne toscana diplomata geometra, ha concluso nel 2013 l’ITS di Fabriano (Ancona) per “l’efficienza energetica di processi e impianti” e oggi collabora come libera professionista con l’azienda che l’aveva accolta in stage. Luca, 30 anni, è veronese e dopo la laurea specialistica in marketing e comunicazione ha trovato nell’ITS della sua provincia per la…

Sono solo alcune delle storie raccontate oggi in occasione della Quarta convention nazionale degli ITS (Istituti tecnici superiori) organizzata dal Ministero dell’Istruzione, l’Università e la Ricerca a JOB&Orienta, la mostra convegno nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, in Fiera di Verona fino a sabato 22. E sono stati proprio i giovani protagonisti a spiegare i loro percorsi, le opportunità offerte da questo percorso di studi, le aspettative e le speranze per il futuro.

Alle storie si aggiungono i numeri, a dire che i percorsi di istruzione tecnica superiore stanno funzionando: in particolare perché, nel disegnare piano di studi, rete di attori, coinvolgimento delle imprese, rispondono strettamente alla vocazione economico-produttiva dei territori da cui sono nati, con l’obiettivo da un lato di formare le nuove figure professionali del futuro, dall’altra di innovare i mestieri della tradizione.
L’ultimo monitoraggio Indire – svolto per conto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che agli ITS destina ogni anno 14 milioni di euro – conferma il trend di crescita degli iscritti: a soli quattro anni dalla partenza di quest’offerta formativa non accademica di livello terziario, sono oggi 75 le fondazioni ITS regolarmente costituite nel nostro Paese, ormai attive in tutte le regioni italiane (tra queste 11 quelle nate nel solo 2014): ne fanno parte 258 istituti scolastici, 538 imprese e associazioni di imprese, 126 università e centri di ricerca, 209 enti di formazione e 156 enti locali.
Le aree di riferimento sono sei: efficienza energetica, mobilità sostenibile, nuove tecnologie della vita, nuove tecnologie per il made in italy (sistema agroalimentare, sistema casa, sistema meccanica, sistema moda, servizi alle imprese), tecnologie innovative per i beni e le attività culturali/turismo, tecnologie della informazione e della comunicazione.
A commentare i positivi dati del bilancio presentati a Verona Gabriele Toccafondi, sottosegretario di stato all’Istruzione: «Gli ITS dimostrano nei fatti e nei numeri che quando scuola e mondo del lavoro dialogano i risultati si vedono. Nel 2010, quando sono nati, avevano sollevato in Parlamento un dibattito acceso sugli scenari di una scuola “venduta” alle aziende o addirittura “privatizzata”. Invece hanno provato che il muro ideologico tra scuola e lavoro sta finalmente crollando». «Da quest’anno inoltre – continua Toccafondi – sono stati introdotti dei criteri di valutazione di qualità dei percorsi che premiano in termini di finanziamenti gli ITS virtuosi: primo fra tutti il tasso di occupabilità dei diplomati».

Per il nuovo biennio in avvio (2014/2016) le Regioni hanno comunicato l’attivazione di 120 nuovi corsi con una previsione di 2.400 iscritti al primo anno, che vanno ad aggiungersi ai 232 attivati nel 2013 con complessivi 4.800 corsisti, segnando un +50% rispetto al primo biennio.

I diplomati ITS del 2014 sono 2.154, di cui 506 sono femmine (23.5%). Sul fronte occupazionale mediamente il 65% dei diplomati trova lavoro: ma alcuni degli ITS vantano soglie maggiori, toccando addirittura il 100% di diplomati occupati come nel caso dell’ITS di Genova – Accademia della Marina mercantile per la mobilità sostenibile, uno dei primi costituiti nel 2010.
«Gli ITS rappresentano un’offerta formativa che crea finalmente quella sinergia tanto auspicata tra mondo dell’istruzione, istituzioni e mondo del lavoro – evidenzia Valentina Aprea, assessore all’Istruzione della Regione Lombardia -. La nostra Regione ha destinato agli ITS per i prossimi due anni ben 11 milioni di euro. In Lombardia sono attualmente 1000 gli studenti che hanno deciso di diventare “tecnici del futuro”, 29 i percorsi in avvio e 18 le fondazioni di cui 9 nuove, costituite nel 2014».

Cosa sono gli ITS
Gli Istituti tecnici superiori nascono come percorso pensato per sostenere i distretti produttivi dei diversi territori, con particolare riferimento ai fabbisogni di innovazione e di aggiornamento tecnologico delle piccole e medie imprese. Rappresentano a livello italiano l’unica offerta formativa non accademica di livello terziario e sono frutto di una strategia innovativa, fondata sulla connessione delle politiche d’istruzione, formazione e lavoro con le politiche industriali; hanno principalmente durata biennale e sono articolati in 1800/2000 ore, delle quali almeno il 30% svolte in tirocini, anche all’estero, presso imprese tecnologicamente più avanzate. I docenti devono provenire, per almeno il 50%, dal mondo del lavoro e delle professioni e possedere una pregressa esperienza di almeno cinque anni nel settore di riferimento.
Ogni ITS afferisce a una fondazione di partecipazione, che comprende scuole, enti di formazione, imprese, università e centri di ricerca, enti locali. Le aree tecnologiche sono sei: efficienza energetica, mobilità sostenibile, nuove tecnologie della vita, nuove tecnologie per il made in italy (sistema agroalimentare, sistema casa, sistema meccanica, sistema moda, servizi alle imprese), tecnologie innovative per i beni e le attività culturali/turismo, tecnologie della informazione e della comunicazione.

Gli ITS del Veneto
In Veneto le Fondazioni ITS-Istruzione Tecnica superiore sono complessivamente 6. I corsi approvati e in realizzazione per il biennio 2014/16 sono 15; a questi si aggiungono i 14 corsi già attivi che completeranno il biennio 2013/2015 per un totale di 29 corsi. Complessivamente gli allievi sono oltre 700. Nel primo biennio dal loro avvio (2011-2013) gli ITS veneti hanno visto 100 diplomati. Per il biennio successivo (2012-2014) i diplomati sono in totale 171 (dati aggiornati a ottobre 2014). La percentuale media degli occupati supera la soglia del 90%.

JOB&Orienta 2014 è promosso da VeronaFiere e Regione Veneto, in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con l’adesione del Presidente della Repubblica.
La manifestazione è a ingresso libero, previa registrazione on line www.joborienta.info. Wi-fi libero e gratuito in tutta l’area espositiva.

Condividi ora!