In vista di Eurocarne 2015 – 10-13 maggio. Pesanti i danni all’export italiano di carne in Russia.

di admin
Purtroppo, le tensioni fra Ucraina e Russia, con le sanzioni imposte a Mosca, ricadono incisivamente e negativamente sull'export italiano di carne verso la Federazione Russa. Mentre è difficile poter pensare ad una soluzione della vertenza in atto, fra Kiev-Mosca, nel breve termine, con allentamento delle tensioni e con la ripresa delle attività commerciali, se nel…

Nella conferenza odierna, indetta per trattare temi e progetti per Eurocarne 2015, ci si è dovuti digerire, quindi, numeri, che creano forti problemi all’economia del settore. Se, prima delle sanzioni di Bruxelles a Mosca, l’Italia era al 9° posto nell’export di carne, ora ci troviamo al 17°. Uno spiraglio al nostro export settoriale è dato dalle macchine e dalla tecnologia, legate alla lavorazione ed alla trasformazione della carne, molto richieste ed importate da Mosca e per la fornitura delle quali siamo secondi solo alla Germania. Importante poi l’accordo siglato dalla nota Cremonini, con le Ferrovie Russe, per la ristorazione, accordo che può rappresentare un buon punto di partenza in tale segmento, data l’ampia rete ferrata di cui dispone Mosca.
P.B

Condividi ora!