VENETO AGRICOLTURA: I LAVORATORI DELL’ENTE PRESIDIERANNO , MARTEDI’ 18 NOVEMBRE, PALAZZO FERRO FINI IN CONCOMITANZA CON IL DIBATTITO SULLA LEGGE DI RIFORMA CHE PARTE CON IL TAGLIO DELLE RISORSE, AMBIGUITA’ SUL PIANO INDUSTRIALE E CAMBI CONTRATTUALI.

di admin
No al taglio indiscriminato delle risorse, no allo scippo di funzioni essenziali, no a penalizzazioni del personale: con queste parole d’ordine i 168 dipendenti di Veneto Agricoltura domani, martedì 18 novembre, attueranno un presidio davanti a Palazzo Ferro Fini dalle 12 alle 16 ed incontreranno – verso le 13 – il Presidente del Consiglio regionale,…

In particolare il sindacato contesta il passaggio (operato in una pura logica di risparmio) dal contratto di Federambiente a quello delle Autonomie Locali che verrebbe applicato a tutto il personale trasferito a suo tempo a Veneto Agricoltura, mentre per chi è stato assunto direttamente resta in vigore il contratto di Federambiente. E’ un pasticcio inaccettabile che penalizza i lavoratori e crea disparità.
Preoccupa inoltre il taglio delle risorse messe a bilancio “che – secondo il sindacato – paiono insufficienti al funzionamento dell’ Ente” e preoccupa l’ incertezza del piano industriale, “che viene appena abbozzato ed è privo di contenuti concreti”.
“Inoltre – sottolinea il sindacato – si teme che la smania di un annunciato (ma non assicurato) risparmio possa colpire, attraverso la loro vendita a privati, anche società partecipate di sicura efficienza e quotate nel campo della certificazione di qualità che occupano personale altamente qualificato.
Non vorremmo che l’ apertura della campagna elettorale e la malcelata richiesta di qualche associazione di categoria abbiano condizionato la presentazione di questo provvedimento sul merito del quale avremmo voluto e potuto dire la nostra. Invece abbiamo assistito ad un totale disinteresse degli estensori del progetto alle osservazioni e proposte presentate a suo tempo dalle rappresentanze sindacali”.
Nata nel 1997, Veneto Agricoltura si occupa di ricerca, gestione di foreste, produzione, assistenza alle imprese, formazione, educazione ambientale nelle scuole.

Condividi ora!