Vitigni “resistenti ad oidio e peronospera”. Possono essere messi a dimora, grazie all’impegno dell’assessore provinciale all’Agricoltura, Luigi Frigotto.

di admin
Sono noti le preoccupazioni e gli interventi, che devono, ogni anno, porre in atto gli agricoltori, in fatto di trattamenti alla vite, per combatterne oidio e peronospera e ottenere, quindi, buoni risultati. Oggi disponiamo di un'importante notizia: la Regione Veneto ha ammesso alla coltura 8 tipologie di viti a incrocio interspecifico, dette "resistenti", in quanto…

Il fatto che le viti menzionate non vengano attaccate da parassiti fungini è elemento importante sia dal punto di vista della minore spesa per trattamenti, sia per la biologicità delle uve, che non saranno più contaminate da fitosanitari.
Un’ottima vittoria, dunque, quella di Luigi Frigotto, che, come esperto viticoltore, ha ottenuto il meglio per l’agricoltura.

Condividi ora!