Studiare “logistica”? C’è l’Istituto Tecnico Superiore LAST di Verona, con sede staccata a Venezia. Una specializzazione oggi molto richiesta.

di admin
Progresso e sviluppo economico richiedono, oggi, ricerca, innovazione e preparazione personale specializzata e dotata di forte esperienza, peraltro, anche in fatto di ambiente. Fa fronte a tale importante esigenza e promuove l’incontro fra futuri professionisti della logistica ed aziende leader di Verona e del Veneto uno speciale Istituto, creato a Verona, nel 2008, dalla Fondazione…

L’Istituto LAST – la cui amministrazione è gestita, in parte, da volontariato – è sorta per volontà di diverse istituzioni pubbliche e private, nonché di oltre cinquanta aziende veronesi, veneziane e venete. Essa svolge la sua concreta azione, ponendo a disposizione dei possibili interessati, ogni anno, un biennio di specializzazione post-diploma, cui partecipano anche laureati. L’accesso al biennio avviene con preselezione, preparando, come menzionato, personale qualificato, altrimenti non reperibile sul mercato. In merito, va tenuto presente che nei prossimi cinque anni, in Europa, l’occupazione in logistica crescerà del 15%, mentre le aziende denunciano l’assoluta assenza di figure con professionalità tecnica adeguata. In Italia, sono disponibili, in tal senso dai 350.000 ai 400.000 posti… Importante e saggia, quindi, è stata la scelta veronese, orientata lodevolmente alle esigenze aziendali e, al tempo, alla necessita di creare occupazione, nella certezza di originare possibilità di immediati inserimenti nel mercato del lavoro, per il quale, per esempio, non si parla più di “magazziniere”, ma di “ingegnere gestionale”. Lo vogliono i tempi e la tecnica, in costante, illimitabile progresso. Per la preparazione di tali figure, dotate anche di profonde conoscenze linguistiche – figure, che in azienda avranno anche il compito di scegliere soluzioni e gli strumenti più idonei per la realizzazione dei servizi, per il coordinamento delle diverse tecnologie e delle modalità di trasporto, dopo avere studiato dinamiche e previsto flussi e attività conseguenti – il 50% delle lezioni del biennio sono tenute da esperti professionisti, provenienti dal mondo aziendale, dettando le aziende stesse, socie della Fondazione, la progettazione didattica del percorso formativo. L’iniziativa è di grande successo – circa venti insegnamenti fondamentali – confermato dal fatto che il penultimo corso ha visto assunti tutti i suoi 23 diplomati, mentre l’ultimo, 2012-2013, ha visto assunte 22 persone, ossia l’80% dei partecipanti. Il corso con chiusura nel 2014 è frequentato da 24 allievi. A Venezia, stanno partecipando al corso 2013-2014 24 persone.
La partecipazione ai corsi, che prevede presenze di almeno l’80% del monte-ore globale – 900 ore, di cui 450 in aula, con insegnamento, tra l’altro, di tedesco e di inglese tecnici, e 450 in azienda – ha un costo di 500-€ l’anno, di massima rimborsate, a seguito del conferimento di borse di studio. Un biennio di formazione consta di quattro semestri: ottobre-marzo, in aula; aprile-luglio, in azienda; settembre-febbraio, in aula, e marzo-luglio, in azienda. Per l’anno 2014-2015, sono previsti due corsi a Verona e due a Venezia, con finanziamenti da parte del Ministero dell’Istruzione, della Regione Veneto e di imprese, interessate a figure dotate di tale preparazione specializzata. Va posto in luce, in fine, che l’Istituto LAST, inserisce fra i diversi insegnamenti anche quello, oggi determinante, della “sostenibilità”, ossia, di uno sviluppo economico, avente massima attenzione alla salvaguardia di quell’ambiente, che dovrà essere trasferito, il più integro possibile, a chi verrà dopo di noi.
Chi partecipa a tali corsi intende acquisire conoscenze di sistema, professionali, trasversali e specifiche, proprie di qualsiasi operatore tecnico, con compiti di responsabilità, anche organizzativi, all’interno del contesto lavorativo.
P.B

Condividi ora!