1942: soldati italiani in Russia Mandati ad aggredire, ad uccidere e ad essere uccisi, a ciò costretti da due dittature…

di admin
Sulla facciata, parte destra, di una delle due stazioni ferroviarie di Verona, e, più precisamente, di quella di Porta Vescovo – eretta dall’Austria, a seguito della costruzione, nel 1859, della Ferrovia Ferdinandea, che, per prima, congiungeva inizialmente Venezia a Verona – c’è una lapide, che ricorda un triste fatto della storia veronese: la partenza, da…

Non si può fare a meno di sottolineare, comunque, che nessun motivo aveva Adolf Hitler di attaccare l’URSS, e tantomeno Benito Mussolini, i quali – con la loro guerra contro Mosca (e contro l’Europa ed il mondo), oltre a creare enormi perdite umane (la sola battaglia di Stalingrado produsse oltre 1.000.000 di vittime, fra attaccanti ed aggrediti) e materiali, hanno condotto alla morte più di 18.000.000 di soldati sovietici. Le vittime della seconda guerra mondiale su tutto il globo, sino al 1945, assommano a 55.000.000. Un globo, che, nella disgrazia del conflitto, ha avuto anche fortuna, perché le due dittature citate sono cadute nella cenere, grazie, soprattutto, all’intervento militare statunitense, troppo spesso dimenticato… Ricordiamo i Caduti: Coloro che hanno perso la vita, perché
indottrinati e/o forzatamente inviati ad uccidere e a distruggere, i russi, civili e militari, assassinati, e Coloro, che hanno combattuto per la giustizia e la libertà.

Condividi ora!