Corso Tecnico superiore dei Trasporti e dell’Intermodalità Dei 22 studenti diplomati, più della metà già in possesso di lavoro

di admin
Oggi, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, l'assessore alle Politiche per l'istruzione Marco Luciani ha consegnato i diplomi in logistica agli studenti che hanno concluso il corso “Tecnico superiore dei trasporti e dell'Intermodalità”, organizzato dalla Fondazione ITS Logistica, i cui soci sono enti pubblici e aziende private.

Erano presenti: Samuele Campedelli, assessore provinciale alla Programmazione e Pianificazione territoriale; Silvano Stellini e Laura Speri, rispettivamente presidente e direttore della Fondazione ITS Logistica; Davide Zorzi, membro della Giunta Esecutiva della Fondazione ITS Logistica; Ivan Russo, presidente Comitato Tecnico Scientifico ITS e professore dell’Università di Verona; Stefano Quaglia, provveditore reggente dell’Ufficio scolastico provinciale e dirigente dell’Ufficio scolastico regionale; Maurizio Veghini, membro della commissione esaminatrice e direttore di filiale di GDA Open Care Servizi.

Il corso biennale forma professionisti specializzati sulla base delle esigenze delle imprese. Il successo del format è confermato dal fatto che la maggior parte dei diplomati, analogamente ai colleghi dell’anno precedente che per primi sono stati formati in questo percorso, hanno già ricevuto offerte di lavoro dalle aziende che li hanno ospitati in stage. Il percorso formativo è creato in collaborazione con aziende di riferimento del territorio e rilascia un diploma ministeriale di specializzazione post-maturità.

Il 16 luglio si sono conclusi gli esami di Stato della seconda edizione del corso che, nato in ottemperanza al DPCM gennaio 2008, ha avuto una durata complessiva di 1.880 ore, di cui 900 di stage in azienda e 980 di aula svoltesi tra teoria, laboratori, visite e testimonianze aziendali. Date le richieste delle aziende e il successo dell’iniziativa, MIUR e Regione Veneto hanno finanziato un nuovo percorso che partirà a ottobre 2014, al quale è possibile iscriversi fino al 15 settembre.
Gli studenti hanno affrontato una prova teorico pratica inerente la soluzione di un problema sulla logistica che consisteva nel progettare un nuovo magazzino di stoccaggio, l’imballo di un prodotto e la sostenibilità del relativo trasporto. Inoltre, i candidati hanno sostenuto una prova Invalsi tesa a valutare le competenze in uscita della figura nazionale di riferimento e una prova orale su un project work sviluppato nel corso dello stage.

I soci fondatori della Fondazione ITS Logistica sono Provincia di Verona, Confindustria Verona, Camera di Commercio di Verona, Università degli Studi di Verona, Quadrante Servizi SRL, Consorzio ZAI, IPSIA “G. Giorgi”, ITIS “G. Marconi”, Liceo Brocchi di Bassano, CFP CNOS FAP San Zeno, Consorzio per la formazione logistica intermodale.

I soci partner sono AGSM Verona, AMIA Verona, ATV Verona, IIS Luzzatti, Mainconsulting, Umana.

Assessore – Luciani: “Reputo il successo di questo corso d’alta formazione una tangibile dimostrazione dell’efficacia della sinergia creatasi tra Provincia, Amministrazioni pubbliche, università e aziende. È sicuramente la giusta direzione da seguire per garantire sviluppo e crescita occupazionale. Nonostante il periodo di difficoltà economica, questi risultati ci permettono di guardare al futuro con ottimismo e fiducia. L’esperienza dell’anno scorso, che ha visto in possesso di lavoro 21 dei 23 diplomati, non è che una conferma della necessità di figure professionali specializzate da inserire nel mercato. L’urgenza di questi professionisti è ulteriormente ribadita dal fatto che alla maggior parte degli studenti appena diplomati è stato offerto un contratto di lavoro nelle aziende in cui hanno effettuato il tirocinio. Sono dati che danno soddisfazione e danno prova dell’accortezza delle aziende, che hanno saputo cogliere a pieno la serietà del progetto. Mi complimento, dunque, con tutti gli allievi e auguro loro che le competenze acquisite aprano un porta al loro futuro”.

Assessore – Campedelli: “Sono favorevolmente colpito dai risultati di questo progetto, che considero molto significativo. Conosco bene, infatti, l’importanza della logistica per l’area veronese, me ne sono occupato a fondo nella redazione del Ptcp ma anche in tutta la parte che riguarda la realizzazione dell’Alta velocità lungo il Corridoio del Brennero. Ed è proprio alla luce di questo che ritengo fondamentale formare giovani competenti nel settore della mobilità. La zona veronese, infatti, è strategica per le comunicazioni con l’Europa, che offre mercati ricchi di investimenti fruttuosi”.

Presidente – Stellini: “L’Istituto tecnico superiore dei Trasporti e della Mobilità è un’eccellenza riconosciuta nel suo campo. Siamo, infatti, un esempio di come si può fare formazione in maniera efficace ottenendo ottimi risultati. I dati dell’occupazione dei nostri studenti confermano la validità del progetto. A funzionare è sicuramente il format del corso: 1.863 ore complessive che si suddividono tra lezioni teoriche e stage in azienda. Le imprese hanno sostenuto il progetto sin dalla sua nascita, contribuendo allo sviluppo del corso. Si sono infatti messe a disposizione per fare interventi in aula e visite aziendali con l’obiettivo di tramettere le abilità professionalizzanti e operative di cui le aziende hanno necessità. La scuola nasce, inoltre, in un’area di eccellenza come quella veronese, che vede l’incrocio di 2 Corridoi europei, e dove le competenze logistiche sono un must. Gli studenti sono stati, infatti, formati su temi cari all’Europa come la Green economy e la mobilità sostenibile. Colgo l’occasione per ribadire l’importanza dell’istruzione, che non solo si occupa di formare figure professionali specializzate, ma cittadini prima di tutto. Ringrazio la Provincia che, oltre a sostenere economicamente il corso, ha seguito da vicino il progetto nel suo sviluppo. Ricordo, infine, che fino al 15 settembre sono aperte le iscrizioni per il nuovo percorso che partirà a ottobre 2014”.

Presidente del Comitato Tecnico Scientifico – Russo: “L’intero corso è costruito sulle esigenze che nascono direttamente dal mondo del lavoro. Alla base di tutto vi è una stretta collaborazione tra pubblico e privato, che si uniscono nell’obiettivo di creare benessere all’interno della comunità. Il progetto ha, inoltre, il merito di essere sempre aggiornato sulle novità del momento, garantendo così una formazione attuale agli allievi. Grazie al tirocinio, gli studenti possono provare l’esperienza del lavoro nel suo aspetto pratico. Gli strumenti acquisiti saranno le armi in un campo di battaglia che esce ogni giorno di più dall’ottica locale per approdare in un mercato internazionale. Mi congratulo con tutti i ragazzi per gli eccellenti risultati ottenuti e auguro a tutti loro il meglio per il futuro”.

Provveditore – Quaglia: “Quando demmo vita al progetto, la nostra mission era quella di creare una figura professionale specializzata che potesse trovare occupazione nel mondo del lavoro. È una grande gioia vedere che il nostro obiettivo è stato raggiunto. Un ringraziamento va sicuramente a tutti gli enti pubblici e privati che hanno deciso di sostenerlo anche nel momento difficile che stiamo attraversando. L’Its Logistica non poteva che nascere nella provincia di Verona: capitale storica dei trasporti e crocevia dei Corridoi che permettono le comunicazioni con l’intera Europa. Investire nella logistica legata ai trasporti è la giusta direzione da seguire per uno sviluppo sostenibile che mira a sfruttare le opportunità offerte dalla nostra terra. Dunque, guardare fuori dai confini, ma con i piedi legati al territorio”.

Condividi ora!