“Pazza scienza” – 2^ edizione A Sona la manifestazione dedicata alla tecnologia e alla sperimentazione

di admin
Oggi, al Palazzo Scaligero, l'assessore alle Politiche per l'Istruzione ha presentato l'edizione 2014 di “Pazza scienza”, mostra didattica interattiva di scienza e tecnologia, che si terrà a Sona dal 10 al 25 maggio. Erano presenti: Simone Caltagirone e Antonella Dal Forno, rispettivamente vicesindaco e assessore all'Istruzione di Sona; Elena Tumicelli, presidente del Comitato Genitori Istituto…

Durante la manifestazione verrà allestita una mostra dove i partecipanti potranno cimentarsi in vari tipi di esperimenti, per imparare qualcosa di nuovo sulla scienza che si nasconde anche nei più piccoli avvenimenti quotidiani. La rassegna sarà suddivisa in quattro aree tematiche aperte a tutti i visitatori: astronomia, microbiologia, botanica e entomologia, planetarium. Novità dell’edizione 2014 sarà “FossiLab”, laboratorio completamente dedicato alla paleontologia dove sarà possibile ammirare reperti di provenienza internazionale.

L’evento rappresenta un’importante tappa culturale per il Comune di Sona e il territorio circostante. Già nella precedente edizione, “Pazza scienza” ha saputo registrare un notevole successo di pubblico, con elevati numeri d’affluenza. L’iniziativa persegue un duplice obiettivo: stimolare l’interesse dei ragazzi attraverso lo stupore e il ragionamento e permettere ai docenti di arricchire le loro lezioni di scienze con esperimenti interattivi e curiosità.

Assessore alle Politiche per l’Istruzione: “Sono particolarmente orgoglioso di presentare un’iniziativa che lo scorso anno ha registrato un inaspettato successo di pubblico, con oltre 6.000 presenze tra adulti e ragazzi. La prima edizione è stata un’autentica scommessa per gli organizzatori, e il buon esito sortito ha reso possibile lo sconfinamento di ‘Pazza Scienza’ al di fuori del territorio comunale di Sona. Ora questa bella manifestazione di piazza si appresta a replicare e superare i numeri precedenti, mantenendo fede allo slogan ‘Vietato non toccare’. I bambini saranno i veri protagonisti di un evento che intende avvicinarli ai vari aspetti della sperimentazione, attraverso quattro aree tematiche a loro disposizione e lo splendido planetario. Uno sforzo organizzativo destinato a coniugare il momento dell’apprendimento con quello ludico: è questa la formula vincente della mostra. Un plauso ai membri del Comitato Genitori che – con un lodevole lavoro di squadra – hanno saputo offrire ai più piccoli l’occasione di approcciarsi alla scienza, nei suoi risvolti meno museali. La collaborazione – indispensabile per raggiungere risultati come questi – vuole essere un chiaro modello da seguire anche nel futuro prossimo”.

Vicesindaco – Caltagirone: “Dopo il grande successo della scorsa edizione, quest’anno abbiamo scommesso più alto e i giorni della manifestazione sono diventati quindici. L’affluenza dell’anno passato ci ha fatto capire che il potenziale dell’evento può essere sfruttato ancora di più, i vari stand e gli esperimenti scientifici che proponiamo dal vivo piacciono sia ai bambini, sia agli adulti. Anche quest’anno abbiamo mantenuto lo slogan ‘Vietato non toccare’, che oltre ad avere un grande impatto, caratterizza pienamente lo spirito di ‘Pazza Scienza’. Nulla di tutto questo sarebbe stato possibile senza l’inesauribile impegno delle scuole e dei Comitati Genitori che si sono accollati tutte le incombenze organizzative. Constatiamo con enorme soddisfazione anche la portata turistica dell’evento che attrae visitatori anche dalle province confinanti. Mi preme ricordare, che l’evento è organizzato da volontari, coadiuvati da sponsor privati, e che sarà previsto un biglietto d’ingresso dal costo meramente simbolico”.

Comitato genitori – Tumicelli: “All’evento principale si affiancano diverse realtà parallele tra cui ricordiamo ‘Artisti nel parco’ e ‘FossiLab’, quest’ultimo improntato sulla didattica interattiva incentrata sul mondo dei fossili. Queste attività integrative rendono la manifestazione ancora più interessante e focalizzano ulteriormente l’obiettivo di far toccare con mano ai bambini l’aspetto più pratico della scienza”.

Comitato genitori – Carzana: “Pazza scienza non deve rimanere un progetto fine a se stesso, deve essere un frutto da coltivare anche negli anni successivi. Ci auguriamo che l’organizzazione riesca ad accogliere al meglio i numerosi visitatori previsti, tra cui ci sono 900 bambini dalle varie scuole”.

Condividi ora!