“Ri-Vivere il Villaggio Medievale” Il calendario delle attività rievocative, a Gazzo Veronese, dal 25 al 27 aprile

di admin
Oggi, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, l’assessore alla Cultura e Identità Veneta ha presentato la manifestazione “Ri-Vivere il Villaggio Medievale” e il calendario di attività rievocative e storiche che si svolgeranno, dal 25 al 27 aprile, a Gazzo Veronese. Erano presenti: Andrea Vecchini, Claudio Bellani e Veronica Leardini, rispettivamente sindaco, vicesindaco e assessore alla…

La manifestazione, patrocinata dalla Provincia di Verona e dalla Regione del Veneto, è realizzata e promossa dall’associazione culturale “Inhonesta Mercimonia” in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Gazzo Veronese.

La manifestazione “Ri-Vivere il Villaggio Medievale” promuove un ricco calendario di appuntamenti e di attività rievocative e storiche che si svolgeranno all’interno del Villaggio medievale ricreato ed allestito presso l’Oasi del Busatello, a Gazzo Veronese. L’apertura ufficiale dell’evento rievocativo avverrà venerdì 25 aprile, alle ore 14.30, con il saluto delle autorità e la presentazione delle attività che si protrarranno fino a domenica 27 aprile. Nell’arco delle tre giornate, si susseguiranno rappresentazioni delle arti e dei mestieri di un tempo e di scene di vita quotidiana, realizzate da figuranti, laboratori didattici per i più piccoli, visite guidate all’interno del villaggio, percorsi didattici dimostrativi delle attività svolte e sarà inoltre allestito un mercato medievale.
Tra gli eventi più attesi, venerdì 25 aprile alle ore 16:30, sabato 26 e domenica 27 aprile alle ore 17:30, la compagnia storica ascianti di Cividale del Friuli offrirà al pubblico la possibilità di cimentarsi nel lancio delle scuri. Non mancheranno, inoltre, momenti conviviali e ricreativi, come le “merende medievali”, realizzate sia per adulti, sia per bambini.

Assessore Ambrosini: “È un piacere presentare il calendario di appuntamenti e di attività rievocative che si svolgeranno nel territorio di Gazzo Veronese in occasione della manifestazione ‘Ri-Vivere il Villaggio Medievale’. L’iniziativa presenta un’importante valenza storica e culturale, in quanto offre la possibilità ad adulti e bambini di approfondire la conoscenza del periodo del Medioevo, riscoprendo e osservando da vicino le abitudini, gli usi e le attività tipiche di quell’epoca nel nostro territorio. La presenza di figuranti e di percorsi didattici sapranno coinvolgere il pubblico nelle varie attività promosse all’interno del villaggio medievale, allestito nella magnifica Oasi del Busatello. Un plauso, dunque, all’associazione ‘Inhonesta Mercimonia’, organizzatrice e promotrice della manifestazione, al Comune e alla Pro Loco di Gazzo Veronese per avere favorito la realizzazione dell’iniziativa”.
Sindaco Gazzo Veronese – Vecchini: “L’Oasi del Busatello, è una palude pensile, ovvero collocata più in alto rispetto al livello del territorio circostante. Oltre a essere un’oasi ecologica del Wwf, è l’unica di questo genere in Italia. L’allestimento del villaggio medievale, inaugurato a settembre del 2013, si propone come uno spazio didattico per non insegnare la storia solo in aula ma anche su campo. Si tratta, infatti, di una rievocazione fedele della pianura veronese attorno all’anno Mille, utile per fornire ai ragazzi un’esperienza formativa. Il vantaggio competitivo di questa struttura, quindi, nasce dalla sinergia fra il villaggio e la palude, che permetterà di imparare qualcosa di nuovo sul nostro passato”.

Presidente Inhonesta Mercimonia – Sinuello: “La giusta chiave di lettura di questa iniziativa deve essere quella di continuare a credere nella didattica. Collaborazioni efficaci come queste, infatti, non si vedevano da tempo e sono il frutto di un lavoro costante e notevole. Non si vuole cadere negli stereotipi della ‘sagra di paese’ ma fornire uno strumento nuovo per la crescita culturale dei nostri ragazzi. Si tratta di un’opportunità da saper cogliere e ci auguriamo che la collaborazione si rinnovi anche negli anni a venire”.
Presidente Consorzio Bonifica Veronese – Tomezzoli: “Mostrare visivamente le origini della nostra società è possibile e questa iniziativa ne è un esempio virtuoso. L’Oasi del Busatello, infatti, è l’unica porzione di territorio rimasta ancora naturalmente intatta. Di fronte ad una società sempre più globalizzata, è importante rievocare il passato di tanti villaggi come questi che si basavano sulle risorse naturali. Non si tratta solo di folclore perché ogni comunità veneta ha una caratteristica peculiare da comunicare: Gazzo Veronese, ad esempio, grazie alla propria Oasi recupera le tradizioni e cresce culturalmente per affrontare meglio il futuro”.

Condividi ora!