Una moneta da 5-€ ricorda Gino Bartali.

di admin
Ne celebra il centenario della nascita la Repubblica di San Marino.

Come ogni anno, San Marino emetterà il 29 aprile la sua serie decimale in fior di conio, serie contenente tutte le otto euromonete, coniate per il 2014, ed avente una tiratura di 15.000 confezioni. Un’uguale serie, ma contenente una moneta commemorativa in argento 925/1000, 18 g, avrà una tiratura di 20.000 confezioni. Se, in tutte le euromonete emesse e circolanti nell’Unione Europea, il dritto comune è opera, sin dalla primissima emissione, del lussemburghese Luc Luycx, parte del bozzetto del retro dei pezzi della serie sammarinese 2014 in parola, è il lavoro dello stesso Luycx e di Frantisek Chochola, due artisti notissimi in campo internazionale.
Rende particolare, quest’anno, il settore numismatico, l’inserimento, come cennato, in una confezione decimale speciale sammarinese, di un pezzo argenteo, dedicato al centenario della nascita (1914-2014) del grande ciclista italiano Gino Bartali (1914-2000). Il quale non solo ha reso noto nel mondo il ciclismo sportivo italiano, ma fra il settembre 1943 ed il giugno 1944, svolse azione antinazifascista, trasportando nei tubi della sua bicicletta documenti per lui pericolosissimi, ma necessari a salvare cittadini ebrei dalla bestiale deportazione. Un’azione eroica, che indusse l’istituzione-museo israeliana per la ricerca e la documentazione sull’Olocausto, Yad Vashem, di Gerusalemme, ad iscriverlo nell’albo dei Giusti fra le Nazioni. Bartali fu, infatti, campione, protagonista del suo tempo ed esempio d’umanità e di concretezza.
Il dritto della moneta a lui dedicata – bozzetti di Valerio De Seta – presenta il busto di Gino Bartali, mentre il rovescio mostra Ginettaccio in bicicletta, avendo alle sue spalle una visione significativa di San Marino, la Repubblica del Titano, ma anche delle Torri.
Un dovuto omaggio a Chi ha saputo mettere in pratica, a rischio della propria vita, l’amore per il prossimo e a Chi, nel contempo, ha dato il meglio, nel campo del proprio ideale sportivo. Dall’esempio del quale dobbiamo trarre insegnamento e invito ad amare il nostro fratello.

Condividi ora!