Malattie professionali da movimenti ripetitivi

di admin
Il 12 Novembre 2013 dalle ore 14:30, presso la Sala Convegni del Banco Popolare di Verona saranno analizzati gli aspetti sia tecnici/organizzativi che giuridici, connessi alle patologie professionali da movimenti ripetitivi.

La crescita delle patologie professionali muscolo scheletriche riferibili alla ripetitività dei movimenti lavorativi rappresenta un aspetto di crescente importanza per aziende e lavoratori.
Oltre al danno per il lavoratore, dal riconoscimento del carattere professionale di tali patologie possono infatti derivare, in capo all’azienda e al datore di lavoro, responsabilità civili e penali.
L’incontro, organizzato dall’Unità di Ricerca – EPM (“Ergonomia della Postura e del Movimento”) di Milano e dallo Studio B&P Avvocati, analizzerà il tema con l’intento di fornire un quadro completo di tutte le criticità offrendo spunti di riflessione per una corretta gestione del rischio secondo le “migliori tecniche”.
L’incontro vedrà l’intervento del Prof. Enrico Occhipinti e dell’Ing. Marco Placci dell’Unità di Ricerca EPM – Milano, dell’avv. Daniela Chiavegato dell’Avvocatura INAIL di Verona, del dottor Antonio Gesumunno Giudice presso il Tribunale di Verona, degli ingegneri Carlo Concini e Matteo Pamieri di Electrolux Italia S.p.A., dell’avv. Apollinare Nicodemo, oltre che dell’avv. Francesca Masso dello Studio B&P Avvocati.
La correlabilità ai rischi lavorativi delle malattie muscolo scheletriche e il riconoscimento del carattere professionale di tali patologie – segnala l’avv. Francesca Masso – rappresenta, anche e proprio in ragione del loro carattere multifattoriale, un elemento critico nell’organizzazione della produzione e del lavoro. L’incontro del 12 novembre nasce proprio con l’intento di fornire, attraverso le diverse competenze di esperti di organizzazione del lavoro, medici e giuristi, un aggiornamento sugli attuali orientamenti, oltre che indicazioni utili per tutelare lavoratori ed aziende.

Condividi ora!