DISSESTO IDROGEOLOGICO, SICCITÀ E DIETA MEDITERRANEA. ASSESSORE MANZATO

di admin
“Sono un sostenitore della dieta mediterranea, anzi delle diete regionali del Mediterraneo, salutari, legate al territorio e ai tempi e sviluppi naturali. Però ogni cosa a suo tempo.

Di fronte ad un Paese che si allaga e frana per eccesso di acqua, ma che soffre di siccità perché non ci sono opere adeguate di distribuzione della risorsa, un convegno nazionale sulla corretta alimentazione, per carità: sempre utile, mi ricorda l’aforisma delle brioches di Maria Antonietta”.
Franco Manzato, assessore all’agricoltura del Veneto, non intende sminuire l’iniziativa del ministro Mario Catania che, a due anni dal riconoscimento da parte dell’Unesco della Dieta Mediterranea come patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, ha promosso per questo giovedì a Roma l’appuntamento sul tema “Dieta mediterranea: un valore sociale e culturale”. Vi parteciperanno lo stesso ministro, il presidente della Commissione Agricoltura della Camera Paolo Russo, il presidente della Commissione Agricoltura del Senato Paolo Scarpa Bonazza Buora con il vicepresidente Alfonso Andria, e il Rettore della IULM di Milano Giuseppe Puglisi.
“Però avrei preferito sentire parole e impegni, di questo governo, del Parlamento e dei candidati al prossimo, su cose delle quali il territorio italiano ha assolutamente bisogno e non da oggi. Abbiamo di nuovo cittadini con l’acqua in casa e imprese agricole stremate – conclude Manzato – che non sanno neppure se e come potranno arrivare a fine mese e per le quali la dieta mediterranea rischia di essere un esercizio teorico”.

Condividi ora!