MALTEMPO. IN CORSO VALUTAZIONE DANNI SUI LITORALI: CONTE

di admin
“Attraverso le strutture tecniche degli Uffici del Genio Civile e del Magistrato alle Acque, è stata avviata una ricognizione dei danni provocati sui litorali e sugli arenili del Veneto dalle mareggiate dei giorni scorsi. E’ un’operazione in progress, condizionata dalla possibilità che si verifichino altri eventi meteorologici, ma servirà comunque a fare una valutazione di…

Risorse che comunque andranno reperite nell’ambito del bilancio di previsione 2013 della Regione, perché quelle per il 2012 sono già state destinate e impegnate”. A farlo presente è l’assessore veneto alle politiche ambientali e alla difesa del suolo Maurizio Conte, in risposta alle istanze che gli enti locali rivieraschi stanno formulando nei confronti della Regione per far fronte alle conseguenze del maltempo di questi giorni.

“La Regione – aggiunge Conte – non ha mai mancato di intervenire finanziariamente a sostegno dei comuni. Nonostante le difficoltà di carattere generale, nel 2012 abbiamo stanziato complessivamente un importo complessivo di 2 milioni e mezzo di euro per la difesa di litorali e arenili. Inizialmente in bilancio era stato previsto solo un milione di euro, ma l’importo non avrebbe consentito i normali interventi di manutenzione dei litorali in erosione. Per questo la giunta veneta ha ritenuto di integrare lo stanziamento con una parte (1.500.000 euro) delle risorse disponibili per interventi di riduzione del rischio idrogeologico”.

“Vista l’importanza delle spiagge per il settore del turismo occorrerà – conclude Conte – che nel bilancio regionale di previsione per il prossimo anno siano inserite risorse adeguate non solo per l’ordinaria manutenzione degli arenili ma anche per fronteggiare situazioni di emergenza, come quelle causate dal maltempo A tal proposito ricordo che l’obiettivo della Regione è quello di pianificare l’investimento delle risorse per la realizzazione di opere strutturali che permettano la salvaguardia il più possibile definitiva dei nostri litorali. Sarà quindi necessaria la collaborazione dei comuni costieri, sia per precise indicazioni progettuali, sia per l’utilizzo a questo fine di parte delle risorse che arriveranno con l’introduzione di una tassa di scopo prevista, in sostituzione della tassa di soggiorno, dal nuovo Piano strategico del Turismo al quale stanno lavorando il Governo e le Regioni e che sarà discusso in novembre con le categorie produttive e presentato ufficialmente in gennaio”.

Condividi ora!