IMAFORNI INTERNATIONAL CELEBRA 50 ANNI DI STORIA. 50 ANNI DI SUCCESSI NEL MONDO

di admin
Verona – Era il 1962 quando Demetrio Castello e Ugo G. Bademer acquisirono dal liquidatore, Giovanni Chiampan, la società I.M.A. (Industria Macchine Automatiche) di Marinoni, specializzata nella costruzione di macchine e forni per pasticceria e panetteria e di cui entrambi erano dipendenti. Il 24 luglio dello stesso anno crearono la società Imaforni inaugurando un percorso…

Imaforni ha deciso di festeggiare il significativo anniversario con i propri dipendenti e le loro famiglie, oggi venerdi 27 luglio a Villa Sigurtà, organizzando una grande festa dove la guest star sarà l’artista Leonardo Manera. Una serata di grande intrattenimento ideata dall’agenzia scaligera che da anni cura l’immagine, le campagne creative e media di Imaforni International Spa, Clab Comunicazione srl. Condurrà l’evento che prevede momenti di musica e magia creati dall’illusionista di Central Station, Walter Maffei, lo showman veronese, Cristian Calabrese affiancato dalla conduttrice di Deejay TV, Christie Peruso.
“Molte cose sono cambiate da quel 24 luglio – sottolinea Demetrio Castello – a partire dalle competenze tecniche, dallo sviluppo tecnologico e dalla conoscenza dei mercati che hanno permesso alla nostra società di conquistare la leadership mondiale nella produzione di linee di cottura per crackers e dolci, ma i valori sono rimasti invariati. Passione, innovazione e affidabilità sono, oggi come ieri, gli ingredienti fondamentali della nostra ricetta vincente”.
“Se Imaforni è cresciuta ed è quella che è oggi, non è per caso. Ci sono volute scelte giuste, politiche industriali corrette, investimenti in ricerca ed innovazione, voglia di essere sempre primi e saper guardare lontano cercando di intuire in anticipo le tendenze dei mercati, ma principalmente ci sono volute anche le persone.”- aggiunge Ugo G. Bademer che anticipando il suo intervento in occasione dell’evento celebrativo in programma questa sera a Villa Sigurtà – “Un grazie al mio socio Demetrio che ha sempre creduto nel mio entusiasmo e ha guidato con me l’azienda con un impegno e una dedizione al lavoro uniche. Il successo è stato possibile proprio perché siamo stati complementari e mentre lui presidiava l’azienda con grande responsabilità e doti imprenditoriali non comuni, io ho potuto mettere a frutto il mio istinto per l’innovazione e le mie idee sviluppando nuovi prodotti”.
Una continuità che si riflette anche nel passaggio generazionale che, da quasi dieci anni, sta interessando la struttura societaria: “All’inizio del 2000 abbiamo iniziato un graduale passaggio di consegne ai più giovani, inserendo professionalità che potessero portare avanti l’azienda” – precisano i fondatori.
Pierluigi e Nadia Castello, figli di Demetrio Castello, grazie alle alte qualifiche e agli alti livelli di professionalità, nel corso degli anni, hanno ricoperto ruoli chiave nell’attività di management, e gradualmente hanno preso in mano le redini della società con l’obiettivo di consolidare la posizione guadagnata negli anni e lo sguardo proiettato in avanti, pronti a raccogliere sfide future e ad affrontare importanti investimenti in R&D, volti alla realizzazione di soluzioni innovative, al passo coi tempi.

L’ Azienda si avvale di una grande esperienza nel campo del design e della realizzazione di impianti automatici ad alta capacità produttiva per biscotti e crackers. Nel 2011 sono state realizzate 80 linee complete per complessivi 3,2 chilometri di forni costruiti. Una precisa vocazione alla qualità e all’evoluzione, che accanto alla ricerca dell’innovazione costituiscono i fattori chiave del suo successo. Tutto questo è reso possibile anche grazie alla presenza di 50 tecnici specializzati dedicati alla progettazione costantemente alla ricerca di soluzioni tecniche e tecnologiche all’avanguardia per raggiungere i più elevati standard qualitativi.

Soddisfare i clienti guidandoli al massimo risultato possibile resta l’obiettivo: “Il 10% dei nostri ricavi viene investito in innovazione: all’interno del nostro stabilimento abbiamo un “centro pilota”, composto da due linee produttive dedicate proprio alla ricerca, che viene anche messo a disposizione dei clienti per sviluppare nuove linee.”- spiega l’Ing. Pierluigi Castello, amministratore delegato di Imaforni.

Una società dal dna moderno anche nell’approccio alla comunicazione, in cui crede, e nella quale investe da anni per la realizzazione di imponenti campagne, utilizzando tutti gli strumenti, dai più classici, ai più innovativi, come l’installazione Visual Mapping realizzata nello stabilimento di Colognola ai Colli e, ancora una volta firmata da Clab Comunicazione, per raccontare in maniera inedita e emozionale i cinquant’anni di storia della Spa.

Oggi questa importante realtà italiana è presente in ben 83 Paesi con oltre 1000 linee installate da tecnici specializzati e altamente qualificati, incaricati di rendere gli impianti operativi in tutto il mondo. Un’attività di formazione costante per la quale vengono impiegate numerose risorse, elemento certamente non trascurabile per un’azienda il cui fatturato estero rappresenta il 93% del dato complessivo, giunto alla cifra record di 85 milioni nel 2011, con un giro d’affari superiore del 30% rispetto all’anno precedente, in assoluta controtendenza: “La nostra presenza commerciale non si concentra in Paesi specifici e ciò ci consente di non dipendere da alcuna area geografica, anche se attualmente l’Asia è il continente trainante.” – afferma, di nuovo, l’Ing. Castello.

Al contrario, la produzione resta puro made in Italy. I prodotti vengono interamente costruiti nei due stabilimenti di Colognola ai Colli, dove sono impiegati complessivamente 200 dipendenti: “Non intendiamo delocalizzare la produzione. Ci interessa puntare sulla qualità e sulla ricerca per avere soluzioni nuove, per mantenere la posizione di leader del settore, con una grande attenzione al contenimento dei costi e dei consumi.”

Imaforni, resta una delle poche realtà italiane che ha scelto di continuare a investire sul territorio nazionale: “Considerato il costante incremento di produzione, che necessita di spazi adeguati, abbiamo acquistato un nuovo terreno di 35 metri quadrati, che ci darà spazio per eventuali costruzioni future, in aggiunta agli attuali stabilimenti produttivi di 22mila metri quadrati” – e conclude l’Ing. Castello – “Abbiamo pertanto, creato le premesse industriali per poter ulteriormente crescere negli anni futuri, poiché questi cinquant’anni sono sì un traguardo, ma anche un importante punto di partenza.”

Condividi ora!