Lo sviluppo di Verona, del Veneto e del Nord Est… Un convegno in memoria del prof. Manlio Resta.

di admin
Non è un caso che il convegno dal titolo Lo sviluppo di Verona, del Veneto e del Nord Est: un modello esportabile all’intero Paese? si sia tenuto a Verona e più precisamente il 16 ed il 17 giugno 2011 presso l’Accademia di Agricoltura Scienze Lettere della città scaligera. L’importante incontro di studio è stato organizzato…

Egli si occupò, infatti, su richiesta delle autorità veronesi, del possibile sviluppo economico della provincia della Verona nel secondo dopoguerra… Per questo, non poteva che essere la città di Cangrande la sede dell’importante incontro di studio. Se Galeazzo Sciarretta, presidente dell’Accademia, ha ospitato il convegno, ha portato il saluto della città, Erminia Perbellini, assessore alla Cultura del Comune di Verona.
Dall’insieme delle relazioni più strettamente collegate al lato economico del convegno è risultato che il modello Nord Est – oggi, una delle zone più dinamiche e produttive d’Italia e d’Europa – è un qualcosa di speciale e di completamente a sé, per un insieme di elementi propulsivi e specifici del territorio, in cui tali elementi sono sorti, si sono evoluti e radicati. Il Nord Est, con la sua struttura, uomo-impresa, ha un grande ruolo nello sviluppo economico d’Italia, senza dimenticare che esso fu una terra che, tormentata dalla fame, dal 1876 al 1925, aveva visto partire, in cerca di lavoro, più di ottocentomila persone.
Il volume, curato da Gianandrea Berganozzi, edito da CEDAM Editrice ed uscito recentemente (2012), raccoglie in 330 pagine, gli atti del convegno citato, atti che riportano le seguenti relazioni: Francesco Vecchiato: La nascita dell’Università di Verona e Manlio Resta; Daniela Giaconi: La carriera accademica di Manlio Resta; Giuseppe Gaburro: Riflessioni e proposte di Manlio Resta sullo sviluppo economico della Provincia di Verona negli anni Sessanta; Vittorio Castagna: L’evoluzione economica veronese dal dopoguerra ad oggi; Giovanni Resta e Gianandrea Bernagozzi: La qualità della vita a Verona: classifiche a scala interregionale pluriennale; Angelo Ferro: Il Non-Profit, quale strumento di sviluppo e di coesione sociale nel nord Est; Daniele Marini: Il Nord Est ed il suo ruolo nello sviluppo economico del Paese; Ferruccio Bresolin: Ripresa senza occupazione: quali prospettive per il Nord Est; Elisa Montesor e Sandro Boscaini: Le prospettive dell’industria agro-alimentare nel Nord Est; Riflessioni sulla produttività del turismo in Italia ed in alcune delle sue componenti regionali; Cesare E. Surano: Verona crocevia dei grandi corridoi europei: infrastrutture e trasporti; Moreno Ferrarese: Le infrastrutture di trasporto: Nord est emarginato dall’Italia; Nicola Sartore: Il federalismo fiscale in italia: dalla teoria alla pratica; Giovanni Zalin: Il Veneto e l’Unità d’Italia. Altri interventi hanno offerto ulteriori spunti di chiarimento e di discussione, pure riportati nel volume.
Leggere tale opera significa acquisire una visione storica ed economica più completa di Verona, del Veneto e del Nord Est, dei quali sono venuti alla luce, dettagli talvolta sconosciuti e di massima importanza.
La Fondazione Resta Onlus – presidente: Vanni Resta – organizza pure il concorso annuale “Premio di Laurea – Manlio Resta -” in tema di scienze economiche e sociali, il cui vincitore viene individuato entro il 31 dicembre di ogni anno.

Condividi ora!