“Libero il Cielo” Al Teatro Romano una serata di solidarietà a favore dell’Abeo

di admin
Sabato 23 giugno, nella suggestiva cornice del Teatro Romano di Verona, l’associazione “Libero il Cielo” metterà in scena uno spettacolo di musica, immagini, meditazioni e coreografie sui grandi temi della vita umana. Un vero e proprio viaggio attraverso il vivere quotidiano, ma con lo sguardo rivolto al cielo. Sarà il coro "T’ho trovato Vocal Group”…

Dopo più di 60 repliche in numerose città e paesi del nord Italia, l’evento arriva al Teatro Romano per raccogliere fondi destinati ai bambini di Abeo Verona. Il ricavato della serata sarà, infatti, interamente devoluto in favore dell’associazione.

La serata rientra tra i 1.000 appuntamenti promossi da “Provincia in Festival”, il progetto dell’assessorato alla Cultura, Identità Veneta e Manifestazioni Locali per il Tempo Libero della Provincia di Verona giunto all’ottava edizione. Il festival coordinato da Fondazione Atlantide – Teatro Stabile di Verona fa parte del progetto “RetEventi Cultura Veneto” promosso dalla Regione del Veneto per unire tutti i cartelloni degli eventi culturali estivi delle sette province.

L’associazione Libero il Cielo nasce nel 2004 attorno al progetto del cd “T’ho trovato”, un’esperienza originale fatta da persone di diversa età, estrazioni e sensibilità, unite dall’amore per l’arte e dalla grande passione per il canto e la musica. L’associazione è apolitica e attraverso l’arte, in ogni forma, sostiene progetti di solidarietà.
Abeo onlus Verona nasce nel 1988 per iniziativa di alcuni genitori di bambini affetti da leucemie e tumori solidi. Obiettivo dell’associazione è risolvere problemi pratici ed economici a livello ospedaliero e non, di potenziare la ricerca e lo studio sulle malattie oncoematologiche per raggiungere l’obiettivo della guarigione. E’ l’unica Associazione di riferimento del Reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico G.B. Rossi di Verona e si propone di promuovere e sostenere tutte le iniziative, a beneficio del bambino e delle famiglie costrette ad affrontare questo percorso difficile, sotto il profilo della prevenzione, del trattamento ottimale, della riabilitazione e della socializzazione intesa come reinserimento in una vita normale.
Assessore Ambrosini: “E’ una grande soddisfazione poter vantare tra gli eventi di “Provincia in Festival” lo spettacolo “Libero il Cielo”, una serata di grande solidarietà, promossa dall’omonima associazione, che il prossimo 23 giugno trasformerà la splendida cornice del Teatro Romano in un grande cuore pulsante che batterà per i bambini di cui si prende cura Abeo, onlus di Verona. Il mio plauso va, quindi, agli organizzatori della serata, agli artisti del coro “T’ho trovato Vocal Group”, e al loro impegno che va oltre questo singolo, seppur importante evento a cui, sono certo, i veronesi parteciperanno con calore ed entusiasmo dimostrando, anche in questa occasione, il grande senso di solidarietà che li contraddistingue. Un ringraziamento va all’Abeo scaligera, una risorsa fondamentale per il nostro territorio con le numerose e importanti attività che porta avanti nel settore socio-sanitario e assistenziale”.
Presidente di “Libero il Cielo”/Poletto: “Come diceva Dostoevskij ‘La bellezza salverà il mondo’. Noi di “Libero il Cielo” crediamo fortemente nel concetto espresso in questa massima. In otto anni di attività, infatti, il nostro intento è sempre stato quello di portare la bellezza, attraverso il linguaggio artistico, a fondamento di iniziative benefiche che possano aiutare chiunque soffra. Per questo la nostra sinergia con Abeo è nata spontaneamente. La serata di sabato è particolarmente sentita, soprattutto per la sua importante finalità e per la presenza allo spettacolo di autorità, media e cittadini”.
Vice presidente ABEO/Grandis: “Il concerto di sabato rappresenta per Abeo una grande opportunità. L’incasso della serata, infatti, ci aiuterà a realizzare il nuovo progetto. L’intento è di ristrutturare a nostre spese ‘Villa Fantelli’, un edificio del complesso del Policlinico di Borgo Trento, sede che vorremmo destinare al ‘Nuovo Ospedale della Donna e del Bambino’. Ringrazio la Provincia per l’impegno nella promozione dell’evento e ‘Libero il cielo’ per il suo aiuto nella realizzazione di questo concerto, che segna solo la prima tappa di un lungo percorso di collaborazione futura”.

Condividi ora!