Lettera appello di un vecchio leone commercialista

di admin
Ora basta!!! Colleghi, collegandovi a “You Tube” http://youtu.be/tz-knu31rRo potete vedere il servizio di Report – intervista a Claudio Siciliotti, presidente del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Ora basta!!!
Colleghi,
collegandovi a “You Tube” http://youtu.be/tz-knu31rRo potete vedere il servizio di Report – intervista a Claudio Siciliotti, presidente del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili – più oltre C.N. – e resterete sconcertati, scandalizzati, irretiti. Quale danno di immagine ne è venuto alla Categoria dai fatti gravi che il servizio giornalistico ha denunciato?

Ora basta: di vederci esautorati del nostro ruolo professionale che ci compete, per essere stati relegati, nel silenzio compiacente di chi ci guida, a pseudo-dipendenti dell’Amministrazione Finanziaria senza retribuzione: schiavi del Terzo Millennio.
Ora basta: di lavorare in Studio, notte e giorno, e non riuscire a far quadrare i conti a fine mese, avere problemi di sopravvivenza economica con la famiglia, ed essere addirittura additati come consulenti di evasori.
Ora basta: di subire supinamente come cittadini e professionisti del settore fiscale l’approvazione di centinaia di leggi che hanno stravolto il sistema del fisco nel Pese (con una presunzione che pone il cittadino apoditticamente nello status di evasore fiscale tale marchiato e a lui si chiede la prova diabolica e impossibile del contrario) nel silenzio totale del presidente del C.N.
Ora basta: di non aver approntato alcuna seria azione di difesa di tutela dei cittadini in sede fiscale e della Categoria, con la sola eccezione del Collegio sindacale, che è “tutela esclusiva sua personale” ( e del Consigliere Luciano Berzè: vi ricordate Giovani, la sua presidenza dell’Unione? Sapete quanti incarichi ha? Sapete della vicenda e dell’incarico della Consob? Credete ancora alle favole, voi che non avete nessun incarico e mai lo avrete e non riuscite a pagare le quote di iscrizione all’Albo) che dispone di innumerevoli incarichi ai quali non può materialmente adempiere (è scandaloso e incredibile: ma nessuno in sede di vigilanza sorveglia?)
Ora basta: assistere a Siciliotti che si picca di una vulcanica attività presenzialistica nei mass-media, per poi, nei contenuti, esternare il vuoto sotto vuoto spinto, quando non viene messo alle corde dai giornalisti (vds. RAI: Report, Piazzapulita …), che gli fanno fare le figure cui abbiamo assistito con danno di immagine per la Categoria.
Ora basta: di avere usato i soldi delle nostre quote con spese folli (vedasi ingente pubblicità con contenuti di un partito politico – prodomo sua: si prepara alla sua discesa in politica – che ci è costata milioni di euro e che, di fatto, è servita poi soltanto a farci diventare schiavi del fisco.
Ora basta: di assistere lentamente ma inesorabilmente alla morte della Categoria per la quale non solo non abbiamo avuto niente di quanto Siciliotti prometteva pur di raggiungere i suoi obiettivi personali (né esclusive, né prerogative) ma, colmo fra i colmi, di fatto ci hanno tolto tutto, essendo ormai parificati agli abusivi o pseudo tali. E, ulteriore colmo dei colmi, i Revisori contabili, ora legali (che lui aveva garantito essere accorpati a noi nella gestione giuridica ed economica) sono passati da “funzione” a “professione concorrente”, dei quali il C.N. si è fatto togliere financo la gestione amministrativa, e che con euro 29,00 l’anno di quota di iscrizione consentono di fare ancorpiù di quanto è concesso a noi.
Perché i colleghi dovrebbero iscriversi da noi pagando le quote di iscrizione all’Albo di oltre 500,00, con doverosa iscrizione alla Cassa di Previdenza che comporta cospicue somme che i giovani faticano pagare, quando con euro 29,00 l’anno, senza obbligo di iscrizione ad alcuna Cassa previdenziale ordinistica si iscrivono fra i Revisori legali svolgendo la stessa nostra attività?
Più disfatta di così!
Così si distrugge una nobile professione, antica e dignitosa, che i nostri padri, che si rivoltano nella tomba, avevano creato con amore, pazienza, sacrificio, lungimiranza. Quest’ultima esattamente il contrario di quella che ha Siciliotti.
Ora basta: di pagare in questo periodo di crisi quote di iscrizione all’Albo doppie o triple di quelle versate da altri professionisti, col solo fine di far gestire 25 milioni di euro all’anno al C.N. (che si è auto attribuito emolumenti da nababbi) e che spende e spande in modo assurdo: non pagheremo più la parte di quota che va al C.N. Se vuole venga a richiederla direttamente.
Ora basta: di ignorare quale ruolo e attività svolge al C.N. il sig. Aldo Trifuoggi? Per quali meriti (oltre all’amicizia personale con Siciliotti) è stato nominato? Quale compenso gli viene erogato?
Perché è stato “dimissionato” il direttore Rosi? Quale somma gli è stata corrisposta?
e di vedere la Categoria martoriata, distrutta, vilipesa, offesa e danneggiata anche nell’immagine (a sua esclusiva cagione dato che né è il Presidente, rappresentante legale), per cui ci si riserva di chiedergli la rifusione degli ingenti danni in sede giudiziaria con una Class Action.
Ora basta: di vedere verificarsi puntualmente (da ultimo argomento Revisori legali) tutto quanto il Comitato ha profetizzato. Al collega Giovanni Stella, che ha lottato per 7 anni in C.N., non fare il Cincinnato di oggi, chiediamo ancora una volta un suo sacrificio, un suo contributo di onestà, per aiutarci a salvare il salvabile.
Ora basta: di commissariamenti ad usum Delphini da troppo tempo avanti la Magistratura,…..: dobbiamo fermarci altrimenti riempiremmo un volume (e lo faremo a tempo e luogo …)
Ora basta!!!
Altro che ricandidatura! Quali Presidenti di Ordini lo voteranno, assumendosi il rischio della Class Action?
Vogliamo vederli in faccia.
Altro che ricandidatura. A Siciliotti diciamo come il ministro del culto alto tuonò a Westminster
In nome di Dio vattene! Subito!
Da oggi e da qui comincia la lotta per azzerare tutto e ricostruire la Categoria che Siciliotti ha distrutto.
Come allora contattateci. Uniamoci. Insieme ricostruiremo.

Condividi ora!