BASSI: “RISULTATI IMPORTANTI PER VERONA”

di admin
Il Presidente della Commissione Viabilità e Urbanistica Andrea Bassi esprime soddisfazione per l’approvazione in Commissione dell’integrazione del Piano Triennale d’interventi per l’adeguamento della rete viaria, che programma 100 milioni di euro a favore di numerose opere viabilistiche nelle sette provincie venete.

“Per quel che riguarda la parte di piano relativa alle priorità per la provincia di Verona – ha detto Bassi – la soddisfazione è multipla: questo atto infatti ha correttamente privilegiato il completamento delle opere già programmate precedentemente. Penso per esempio al lotto ‘L’ della nuova Sp 10 della Val d’Illasi per la quale sono previsti 3 milioni che portano lo stanziamento complessivo a 12 milioni, ovvero l’intero importo di progetto: in questo caso, appena ultimata la progettazione (delegata alla Provincia di Verona), la gara e l’esecuzione dei lavori saranno cura di Veneto Strade. L’importanza di questo finanziamento è fondamentale in quanto, a lavori ultimati, renderà possibile il collegamento in variante da Tregnago alla strada Porcilana percorrendo tutta la Val d’Illasi senza più passare per i centri abitati esistenti”.

“Penso poi – continua il consigliere leghista – all’intervento denominato ‘Risoluzione problematiche viabilistiche sulla Sp 6 dei Lessini’, che merita un adeguato approfondimento. La Sp 6 compare per la prima volta nel 2008 tra le priorità regionali con un finanziamento di 6,5 milioni; nel 2010 una delibera di Giunta regionale prevede che 6,5 milioni degli utili generati da Cav (Confederazione Autostrade Venete) vadano a finanziare quest’opera; nella soluzione approdata oggi in commissione erano previsti ulteriori 5 milioni a completamento quindi dei 18 milioni necessari, che rappresentano l’intero importo progettuale necessario. Si tratta di un grande risultato per la Lessinia, per la Valpantena e per la zona est di Verona che, con la riqualificazione di questa arteria e con la realizzazione del traforo, potrà finalmente contare su una rete viaria all’altezza. E’ inoltre doveroso da parte mia ringraziare coloro che si sono battuti in passato per reperire fondi per la Sp6, in primis l’allora assessore regionale Giancarlo Conta ma anche Massimo Giorgetti, Flavio Tosi e Stefano Valdegamberi”.

“Non si dimentichi, inoltre – aggiunge Bassi -, l’intervento inserito con emendamento, a firma congiunta del sottoscritto e del consigliere Franco Bonfante (PD), denominato ‘Riqualificazione e messa in sicurezza dell’intersezione tra via San Rocco, via Monticelli e la S.P n. 37 mediante la realizzazione di una nuova rotatoria’ (per 600.000 euro), in comune di Lavagno (VR), che va a migliorare sensibilmente le condizioni di sicurezza stradale in quell’ambito”.

“Desidero infine segnalare – conclude Bassi – che nella parte di piano relativa all’inseribilità, ovvero finanziabilità futura, trovano per la prima volta posto tre interventi: ‘Interventi di Riqualificazione della viabilità della Valpolicella in comuni vari’, la sostituzione del ‘Ponte tra Peri e Rivalta in comune di Brentino Belluno’ (finanziato già con 1 milione di euro con la finanziaria 2009 e possibilmente integrabile con la realizzazione nuova centrale idroelettrica sul fiume Adige, per poterne abbattere di molto i costi per le amministrazioni pubbliche) e il nuovo svincolo di collegamento tra la Sr 450 e la zona industriale di Cavaion. Ora la ratifica finale di questo piano spetta al Consiglio Regionale ma, visti i consensi unanimi espressi in commissione dai rappresentanti delle varie forze politiche, non mi aspetto sorprese”.

Condividi ora!