Banca di Verona crea la Consulta dei Soci

di admin
Presentata nel corso dell’Assemblea dei Soci del 12 maggio, la neocostituita Consulta dei Soci, un organismo consultivo del Consiglio di amministrazione, è pronta ad iniziare il suo operato. Organo preposto a favorire la partecipazione mutualistica all’interno della compagine sociale, ad accrescere il legame con il territorio e le realtà ivi insediate, si compone di figure…

Da sei a otto i membri designati direttamente dal Consiglio di Amministrazione, in ragione del
legame che unisce ciascun socio eletto alla sua area di appartenenza geografica, triennale l’incarico rinnovabile per un massimo di due mandati.
Primi eletti per questo importate compito Bombana Alberto, industriale della Valpolicella, Fiorio Enrico, industriale di Pescantina, il manager Giacomelli Luca e la commercialista Martello Patrizia. Chiudono la Consulta Massalongo Silvano, vicedirettore di Confcommercio, e Pernigo Andrea, presidente del gruppo giovani di Confindustria di Verona e imprenditore in Valpantena.
Imprenditoria, professioni, associazionismo e risparmiatori trovano quindi collocazione e un nuovo canale di comunicazione e scambio: ogni membro è espressione dell’ambito dal quale proviene, un collegamento costante che vuole avvicinare Banca di Verona ai soci come anche alle comunità e agli ambiti territoriali ove essa opera.
Banca di Verona rimane presente nell’organico con due figure, quelle di coordinatore e segretario, che saranno ricoperte da Presidente e Direttore dell’azienda o in alternativa rispettivamente da un amministratore e da un dipendente delegato.
Al via quindi questo laboratorio di idee dedicato a creare una nuova e proficua sinergia, una collaborazione allargata anche all’attuazione dei programmi di sviluppo e delle strategie deliberate dal Consiglio di amministrazione.

Condividi ora!