Al via Theaomai, Università Teatro e Città – La rassegna realizzata grazie al sostegno di Esu si presenta al pubblicovenerdì 27 aprile alle 18, Piccolo Teatro di Giulietta

di admin
L’ESU investe 30.000 euro sulla cultura quale fondamentale strumento formativo e didattico. E’ questo il motore che ha spinto l’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario di Verona a farsi carico dei costi per l’organizzazione di Theaomai, Università Teatro Città. La rassegna teatrale curata dal dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Verona…

“Con questa iniziativa – spiega il Presidente dell’ente per il diritto allo studio – il Consiglio di Amministrazione ha inteso inaugurare un nuovo modo di concepire l’erogazione di contributi, dando priorità a quelle iniziative che sono effettivamente partecipate dagli studenti, come è il caso di Theaomai. Uno sforzo significativo, ma perfettamente in linea e in qualche modo anticipatore, delle nuove disposizioni legislative in materia di diritto allo studio, che prevederanno l’accesso alla cultura tra le voci che comporranno la borsa di studio. Spettacoli, incontri, conferenze, laboratori, giornate di studio. Sono davvero tante le proposte di Theáomai, progetto ricco d’iniziative nate per connettere e far interagire momenti di fruizione del teatro che normalmente sono vissuti separatamente: la visione di spettacoli e performance, la riflessione e l’approfondimento teorico e l’esperienza nei laboratori. Theáomai nasce dalla collaborazione tra l’Azienda del diritto allo studio universitario, un gruppo di docenti dell’Università di Verona, e il giovane studente e attore veronese Matteo Spiazzi, uniti nell’intento di fornire nuovi strumenti di dialogo fra il teatro, gli studi teatrali e gli studenti dell’università attraverso una serie di appuntamenti ad ingresso gratuito e aperti a tutta la cittadinanza. Una proposta culturale che fino al prossimo autunno coinvolgerà teatri, associazioni culturali e artisti veronesi, per valorizzare il patrimonio artistico locale e promuovere la cultura teatrale nella città. I temi di ciascuna delle 5 sezioni in cui il progetto si articola – Teatro e poesia; Voci in performance; Una vicinissima lontananza; Teatri di figura; Parole per la scena, saranno dunque affrontati “a tutto tondo”, non solo guardando il teatro, ma anche pensandolo e facendolo.

Condividi ora!