L’associazione “Verde Blu” in Provincia

di admin
L’associazione “Verde Blu” ha presentato in Provincia l’attività di volontariato e i progetti realizzati negli ultimi anni, in collaborazione con il Settore Faunistico e il Corpo di Polizia provinciale della Provincia di Verona.

 In sala Rossa erano presenti il Presidente dell’Associazione Verde blu Fabrizio Croci,  Monica Todeschini, volontaria S.o.s per il soccorso degli animali e Ivan Castelletti, presidente della Commissione Turismo e Cultura. L’incontro promosso dal consigliere Adelino Brunelli, è stato importante per conoscere l’attività dell’associazione e per programmare la collaborazione con i Comuni della Provincia di Verona. “Verde Blu- ha spiegato Adelino Brunelli-, accoglie e cura animali appartenenti alle diverse specie di fauna selvatica autoctona, soprattutto rapaci diurni e notturni, specie di grande interesse e protette dalla legge”. “Il Centro- ha spiegato Fabrizio Croci- dispone di 3 Centri di Accoglienza e un Centro di convalescenza. Le voliere di stabulazione sono situate a Castel D’Azzano”. “Viene effettuato il servizio di raccolta della fauna selvatica autoctona in difficoltà sul territorio provinciale, ad opera di un’apposita unità con l’ausilio di un veicolo adeguatamente predisposto al trasporto degli animali- continua il Presidente di Verde Blu-, dotato di attrezzi per la cattura ed il contenimento degli stessi, e provvisto di navigatore satellitare per giungere velocemente in ogni angolo della provincia”. “Il numero degli animali ricoverati –ha spiegato Monica Todeschini- subisce variazioni correlate al periodo dell’anno. L’aumento dei ricoveri nella stagione riproduttiva è dovuto alla consegna di nidiacei”. “Fra le specie di uccelli più frequentemente ricoverate figurano, in ordine di quantità: civetta, gheppio, poiana, merlo, rondine, sparviero, cigno, germano reale, gufo comune, allocco, gabbiano reale, balestruccio, tortora dal collare, passero domestico, upupa, airone cenerino, rondine, gazza, gabbiano comune, cuculo, storno, tordo, fagiano, falco pellegrino, fringuello, cardellino, cornacchia, pettirosso, martin pescatore, gallinella d’acqua, allodola, garzetta, verdone, verzellino, lucherino, cesena, smeriglio, svasso maggiore, barbagianni, quaglia, falco di palude, tarabusino, picchio verde, beccaccia, peppola, ghiandaia, succiacapre, falco pecchiaiolo, rigogolo, cinciallegra, regolo, gruccione, picchio rosso maggiore, tortora, gufo reale, assiolo, airone guardabuoi. Fra i mammiferi: riccio, volpe, tasso, capriolo, lepre, scoiattolo, pipistrello, ghiro, faina, istrice, cervo, camoscio. “Un lavoro importantissimo è quello svolto dall’associazione Verde Blu”- ha concluso il Presidente della Commissione Ivan Castelletti, che ha ringraziato a nome della Commissione tutti i volontari dell’associazione che opera sul territorio scaligero, in collaborazione con il Settore Faunistico e con il Corpo di Polizia provinciale”. «La tutela degli animali parte da un gioco di squadra e con questa commissione, abbiamo voluto presentare l’associazione, far capire l’importanza del lavoro svolto e sensibilizzare i 98 comuni della Provincia», hanno concluso i consiglieri Adelino Brunelli e Ivan Castelletti, “con l’impegno della Provincia di Verona e dell’Assessore e Vice Presidente Fabio Venturi per promuovere e sostenere le iniziative dell’associazione, a difesa degli animali, del territorio e dell’ambiente”.

Condividi ora!