CULTURA D’IMPRESA: PADOVA, GIOVANI IMPRENDITORI IN VISITA ALLA MASCHIO GASPARDO

di admin
Berto: «Dai campioni del territorio il modello di nuovi percorsi competitivi»Una realtà da 180 milioni di euro di fatturato e 1200 addetti, con 45 anni di storia, presente in oltre 100 Paesi, quattro stabilimenti produttivi in Italia e altri tre in Romania, Russia e Cina. È l’identikit del gruppo Maschio Gaspardo di Campodarsego (Pd) leader…

 Un viaggio per conoscere da vicino una realtà produttiva sempre più orientata a una politica green, segnalata nel 2011 dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile tra le prime dieci aziende italiane più virtuose in termini energetici e ambientali.
La visita alla Maschio Gaspardo di Campodarsego (via Marcello, 73) si svolgerà domani, martedì 3 aprile 2012, alle ore 17.30. Parteciperanno 80 giovani capitani d’azienda insieme a Enrico Berto, presidente Giovani Imprenditori di Confindustria Padova. A guidare la visita in azienda sarà l’amministratore delegato Mirco Maschio che illustrerà anche il progetto di produzione autonoma dell’energia elettrica grazie ad un impianto fotovoltaico di potenza pari a 1,3 Mw (1300 kilowatt) che ricopre quasi interamente la superficie dello stabilimento e permette di ridurre di oltre 750 tonnellate le emissioni di CO2.
«La sintesi tra cultura del saper fare, creatività ed innovazione è la carta vincente per competere – spiega Enrico Berto -. Il nostro territorio è ricco di esperienze eccellenti, nate da intuizioni imprenditoriali che attingendo ad un grande patrimonio di competenze si sono consolidate e affermate all’estero. Conoscere questi campioni può aiutare tanti giovani imprenditori a prendere consapevolezza del valore dell’impresa, della sua evoluzione e del contributo alla crescita sociale ed economica. Ma anche diffondere tra le Pmi modalità e strumenti per seguire nuovi percorsi competitivi, unica via per battere la crisi».
Il gruppo Maschio Gaspardo Spa è stato fondato nel 1964 dai fratelli Egidio e Giorgio Maschio con la realizzazione della prima fresatrice per la lavorazione del terreno. Oggi produce anche erpici rotanti, seminatrici di precisione, falciatrici, macchine passive per la lavorazione del terreno. Attualmente è condotto dai due soci fondatori e dai figli Mirco e Andrea, entrambi amministratore delegato, Martina e Monica. Nel 2011 il fatturato è cresciuto del 30%, il 75% è realizzato grazie all’export.

Condividi ora!