IL PRESIDENTE CORDIOLI CONSEGNA LE CHIAVI DI 11 ALLOGGI A VERONA, CA’ DI DAVID E ANCHE UNA MIMOSA PER LE SIGNORE

di admin
Sono state consegnate oggi presso la Sede dell'ATER di Verona le chiavi di 11 nuovi appartamenti di edilizia residenziale pubblica costruiti a Verona, Ca' di David in Via Gerardo.

L’intervento che ha visto complessivamente la realizzazione di 20 alloggi, faceva parte di un programma integrato, finanziato in parte con fondi della Regione Veneto e in parte con fondi dell’ATER stessa per una spesa complessiva di circa un milione e mezzo di euro
L’edificio costituito da quattro piani abitabili, oltre all’interrato è dotato di ascensore; al piano terra e dispone di due ampi porticati ad uso collettivo. Tutti gli appartamenti, che vanno da un minimo di 46 ad un massimo di 95 mq, sono dotati di vano cantina e garages e due degli alloggi posti al piano terra rispondono a caratteristiche di accessibilità che li rendono particolarmente adatti per poter essere fruiti da anziani o diversamente abili.
Il Presidente dell’ATER, Niko Cordioli ha consegnato le chiavi ed insieme un ramo di mimosa per tutte le signore, come segno sia per la ricorrenza dell’8 marzo, che per scusandosi dei ritardi che l’Azienda ha avuto nel portare a termine le procedure necessarie per arrivare a questo momento.
Cordioli spiega ai nuovi inquilini presenti: “La prima pietra è stata posata nel marzo 2009, il bando per la locazione si è chiuso lo scorso mese di luglio e le graduatorie definitive risalgono ad ottobre 2011. Poi purtroppo abbiamo dovuto attendere i certificati di agibilità, che ci sono stati consegnati solo un paio di settimane fa. Ecco perchè oggi siamo lieti di potervi finalmente dare la chiavi delle vostre nuove case ed augurarvi tanta serenità”.
L’edificio risponde alle norme antisismiche, è dotato di cappotto per l’isolamento termico e degli accorgimenti previsti per l’isolamento acustico. Impianto di riscaldamento centralizzato con distribuzione di calore negli alloggi provvisti  di conta calorie per la gestione del calore autonoma.
Ciascun alloggio è dotato di un sistema di ventilazione centralizzata, che consente il necessario ricambio d’aria in ogni locale, evitando il formarsi di muffe all’interno dei vani. Installati inoltre pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria
L’area esterna è parzialmente pavimentata e sistemata a verde, che sul retro è organizzato su due livelli collegati tra loro da una ampia scalinata e piantumato con alberti ad alto fusto nella parte più bassa. Per garantire la sicurezza dei perimetri che si affacciano sulle scarpate, sono state predisposte staccionate in legno e siepi, il tutto con illuminazione notturna.
“L’attenzione che l’A.T.E.R. presta sempre più ai dettagli costruttivi quali isolamento termico ed acustico e la creazione di spazi verdi, dimostra ancora una volta – spiega il Presidente Cordioli – che l’edilizia residenziale pubblica mira ad ottenere risultati sempre più eccellenti, che vadano a totale vantaggio di coloro che domani abiteranno questi edifici”.
Per i restanti nove appartamenti l’ATER sta valutando se aprire un nuovo bando per la locazione e portare avanti azioni di housing sociale in collaborazione con altri Enti che operano a Verona.

Condividi ora!