Domenica 20 novembre disinnesco ordigno bellico

di admin
Sono previste per domenica prossima 20 novembre le operazioni di disinnesco e rimozione dell’ordigno bellico rinvenuto nei giorni scorsi in piazzale XXV Aprile, durante i lavori per il rifacimento della zona della stazione ferroviaria.

Viste le dimensioni dell’ordigno, sarà sgomberata un’area del raggio di 300 metri dal punto del ritrovamento. Si tratta di 81 famiglie per un totale di 155 persone, residenti in piazzale XXV Aprile ai civici 4, 6, 8 e 10, via Case Ferrovieri Porta Nuova numeri 1, 2, 3, 4 e 5, via Dal Fabbro 8 e Circonvallazione Oriani, 6. Anche la parrocchia del Tempio Votivo sarà interessata dalle disposizioni di sicurezza. Tutte le abitazioni e la parrocchia dovranno essere lasciate libere entro le 6.30 di domenica 20 novembre. Dalle 6.40 l’area sarà infatti completamente interdetta e l’accesso sarà consentito unicamente al personale autorizzato. Verranno sospesi anche i collegamenti dei mezzi pubblici che arrivano in zona: taxi, bus e treni. Sarà inoltre vietato il transito su alcune importanti arterie cittadine: via Dal Cero, via città di Nimes, circonvallazione Oriani – tra via Nimes e corso Porta Nuova – e piazzale XXV aprile. Secondo le previsioni i tecnici dell’Esercito dovrebbero ultimare le operazioni di disinnesco intorno alle 8.15-8.30. Successivamente l’ordigno sarà trasportato in zona Boscomantico, dove sarà fatto brillare nella tarda mattinata in condizioni di massima sicurezza. In zona Stadio, presso la palazzina Masprone, sarà allestito un punto di ricovero temporaneo presidiato dalla Protezione Civile, dove gli abitanti della zona potranno restare durante il periodo di protezione, dalle 6.30 alle 8.30 circa. In caso di necessità VeronaEmergenza fornirà assistenza ed aiuto ai malati e a quanti siano impossibilitati a lasciare le case autonomamente. Gli interessati potranno contattare autonomamente il 118 e illustrare le loro esigenze.

Condividi ora!