Sindaco Tosi e Vicesindaco Giacino: “Per la Spianà abbiamo progetti concreti e l’auto abbandonata non è un bordello”

di admin
“Chi non ha fatto nulla per la Spianà è stata la Giunta Zanotto. Siamo stati noi, approvando il PAT, a stabilirne la destinazione a Parco Sportivo.

Quanto alle strane frequentazioni, la Polizia Municipale nei suoi controlli ha già sanzionato, dall’inizio del 2010 a oggi, 106 clienti di prostitute in zona Spianà (gli ultimi due proprio stamattina) e l’auto abbandonata non è un bordello, si trova in una proprietà privata – dove noi non abbiamo, per legge, facoltà di intervenire – ed è stata abbandonata, dopo un incidente, dalla proprietaria (una cittadina veronese che ha lasciato sul cruscotto un biglietto con le proprie generalità e recapito telefonico) che oggi pomeriggio ha provveduto a farla rimuovere da un carro attrezzi. Verificheremo, inoltre, con la circoscrizione e con i numerosi proprietari dei fondi privati, la possibilità di installare delle sbarre che impediscano il transito a chi non ne ha diritto”. Questa la replica del Sindaco di Verona Flavio Tosi alle dichiarazioni di alcuni esponenti del PD relative alla Spianà. “Il futuro dell’area della Spianà – ha aggiunto il vicesindaco e assessore all’urbanistica Vito Giacino – si basa su progetti concreti e non sulle chiacchiere fatte dalla passata Amministrazione, che durante il suo mandato non ha fatto nulla per riqualificare la zona, vincolata, dal 1975, a verde pubblico sportivo. Il primo obiettivo ovviamente è la bonifica, mentre a breve presenteremo il Piano degli interventi e la proposta di riqualificazione complessiva dell’area della Spianà. In passato nessuno ha fatto niente per questo spazio, mentre questa Amministrazione con il Pat l’ha classificato a Parco Sportivo ed ora punta ad un progetto concreto e complessivo di riqualificazione in accordo con il privato, dato che l’area è per buona parte di proprietà privata mentre quella di proprietà pubblica è frammentata e quindi di difficile gestione. Porteremo avanti una serie di proposte per dare attuazione al Parco Sportivo, che sarà fruibile da tutti i veronesi. Al suo interno potranno essere realizzati piscine, un campo per Bmx, campi da tennis, uno spazio per il golf, campi da calcetto e da calcio, un’area verde pubblica e una serie di servizi connessi alle strutture sportive. Essendo l’area vicina allo stadio, si potrebbero sfruttare inoltre i numerosi parcheggi che restano inutilizzati durante la settimana, creando un centro per lo sport che rivitalizzi il quartiere ed eviti situazioni di degrado, per un recupero serio ed effettivo di tutta la Spianà”.

Condividi ora!