Passante Nord – Traforo delle Torricelle: illustrazione Assessore Corsi

di admin
È iniziato ieri pomeriggio, in Consiglio comunale, l’esame della delibera per l’approvazione della variante urbanistica del progetto di completamento dell’anello circonvallatorio a nord della città - Traforo delle Torricelle.

“Si tratta dell’opera più importante di questa Amministrazione – ha detto l’assessore alla Mobilità Enrico Corsi, illustrando il provvedimento – che, oltre a completare l’anello circonvallatorio e la connessione con le principali arterie viabilistiche di penetrazione alla città, sarà in grado di decongestionare la viabilità cittadina e di rispondere all’incremento dei volumi di traffico. L’opera, scaricando le strade urbane dal traffico di attraversamento e di parte del traffico di penetrazione, migliorerà anche l’efficienza del trasporto pubblico cittadino, oggi vincolato al traffico privato e quindi soggetto a code ed intasamenti poiché non dotato di sede propria”. “Il territorio interessato dal progetto è molto vario – ha spiegato Corsi – ad est il tracciato attraversa in galleria naturale la zona collinare delle Torricelle; procedendo verso ovest, supera gli abitati di Avesa, Quinzano e San Rocco, in galleria artificiale, esce in sede naturale, sottopassa via Preare nuovamente in galleria artificiale e supera il fiume Adige, con un nuovo ponte di importante valenza architettonica. Il percorso prosegue verso sud-ovest, attraversando la zona pianeggiante della città e superando, da nord verso sud, le località del Chievo, della Bassona e di San Massimo”. L’assessore Corsi ha inoltre ricordato “il parere favorevole espresso lo scorso novembre dal CIPE alla convenzione tra ANAS e Autostrada che prevede l’erogazione di un contributo al Comune di Verona di 53 milioni 349 mila euro,che potrà essere utilizzato per ridurre le tariffe e per realizzare opere migliorative”. “A nome dell’Amministrazione – ha aggiunto l’assessore all’Urbanistica Vito Giacino – ringrazio tutti i componenti della commissione quarta che attraverso un proficuo lavoro hanno approfondito nei dettagli tematiche e aspetti relativi all’opera di fondamentale importanza per la città. Ricordo inoltre che delle 2459 osservazioni pervenute, 2 sono state accolte, 83 parzialmente accolte, 1122 considerate non conferenti all’attuale fase del procedimento e 1252 ritenute non accoglibili”. Nel corso della seduta di Consiglio, l’assessore Corsi ha accolto il maxiemendamento, a firma del presidente della Commissione Urbanistica Marco Comencini, che prevede lo stralcio dalla delibera di tutti i riferimenti al Pef (Piano economico finanziario). Il Consiglio comunale tornerà a riunirsi per l’esame della delibera domani, martedì 18 gennaio, alle ore 17.

Condividi ora!